Diario quotidiano del 12 aprile 2017 - i ritocchi al modello Redditi 2017

diario-quotidiano-articoli-91) Decreto eventi sismici è andato in G.U.

2) E’ retroattiva la norma sui prelievi bancari: circolare della Guardia di Finanza

3) La procedura di fallimento prevale su tutto

4) Truffe sul web: sono aggravate

5) Il questore deve concedere la licenza dell’arma a difesa del denaro aziendale

6) Bonus strumenti musicali: accreditati nuovi licei

7) Ritoccato il modello di dichiarazione “Redditi 2017–PF” e relative istruzioni

8) Nel DEF 2017 per la prima volta gli indicatori BES

9) Prestazioni economiche di malattia e di maternità: salari medi e convenzionali per l’anno 2017

10) Disposizioni in materia di cumulo dei periodi di assicurazione maturati presso organizzazioni internazionali

***

1) Decreto eventi sismici è andato in G.U.

E’ stata pubblicata, nella Gazzetta Ufficiale n. 84 del 10 aprile 2017, la Legge n. 45 del 7 aprile 2017 di conversione del Decreto Legge n. 8/2017, recante nuovi interventi urgenti a favore delle popolazioni colpite dagli eventi sismici del 2016 e del 2017. Il provvedimento contiene anche la proroga al 21 aprile 2017 del termine, originariamente fissato al 31 marzo, per aderire alla definizione agevolata delle cartelle e misure a sostegno del reddito per i lavoratori costretti ad interrompere la propria attività lavorativa. Inoltre il decreto prevede misure per la ricostruzione e finanziamenti agevolati per le micro, piccole e medie imprese colpite dagli eventi sismici.

Gli interventi contenuti nel provvedimento riguardano complessivamente misure di favore per la ricostruzione, finanziamenti agevolati per le micro, piccole e medie imprese colpite dagli eventi sismici, azioni di carattere nazionale per il contrasto alla povertà e la proroga della sospensione degli adempimenti, dei versamenti tributari e dei termini per aderire alla rottamazione dei ruoli.

Di seguito le novità di maggiore interesse.

Definizione agevolata delle cartelle

Viene prorogato al 21 aprile 2017 il termine, originariamente fissato dal D.L. n. 193/2016 al 31 marzo, per aderire alla definizione agevolata delle cartelle.

Conseguentemente, è posticipato dal 31 maggio al 15 giugno 2017 il termine entro il quale Equitalia comunica, ai debitori che hanno chiesto la rottamazione, l’ammontare complessivo delle somme dovute e quello delle singole rate, nonché il giorno e il mese di scadenza di ciascuna di esse.
Inoltre, con norma di interpretazione autentica, viene chiarito che, ai fini dell’accesso alla rottamazione, non sono dovute le sanzioni irrogate per violazione degli obblighi relativi ai contributi e ai premi, anche nel caso in cui il debitore sia lo stesso ente previdenziale.

Le ricordate novità riguardano non solo i contribuenti che vivono nelle zone colpite dal terremoto, ma la generalità dei soggetti interessati. Per i primi, comunque, resta ferma la proroga di un anno dei termini e delle scadenze previsti dalla disciplina della definizione agevolata (commi 1, 2, 3, 3-ter e 12, dell’articolo 6, Dl 193/2016).

Ritenute e sostituti d’imposta

Confermata la possibilità, per i sostituti d’imposta, di regolarizzare, entro il 31 maggio 2017 (e senza applicazione di sanzioni e interessi), gli adempimenti concernenti le ritenute relative ai soggetti residenti nei comuni colpiti dal terremoto. In particolare, la regolarizzazione agevolata concerne le ritenute non effettuate o non versate nei seguenti periodi:

dal 24 agosto 2016 (data del primo terremoto) al 19 ottobre 2016 (data di entrata in vigore del Dl 189/2016)

dal 26 ottobre 2016 (data del successivo terremoto) al 18 dicembre 2016 (data di entrata in vigore della legge di conversione del Dl 189/2016).

Resta invariata la norma in materia di “busta paga pesante“, secondo cui gli interessati residenti nei comuni colpiti dal sisma possono chiedere al sostituto d’imposta (indipendentemente dal domicilio fiscale di quest’ultimo) di non operare le ritenute alla fonte dal 1° gennaio 2017 al 30 novembre 2017 (si…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it