Diario quotidiano del 9 marzo 2017: parte la staffetta Studi di Settore - Indici Sintetici di Affidabilità

CTverti1) Staffetta Studi di settore – Indici sintetici affidabilità: aggiornati territorialità e coerenza

2) Residenza oltre confine: prova facile

3) Con la presentazione del modello 770 non scatta la responsabilità penale

4) Decreto spese universitarie detraibili in Gazzetta

5) Tasso per le rivalutazioni in G.U.

6) Semplificazioni settore fiscale: audizione alla Camera degli esperti commercialisti ed avvocati

7) Iva su Tariffa rifiuti non dovuta, rimborsi con termine decennale

8) Assirevi: pronta la lista di controllo dei principi di redazione del bilancio con le novità OIC

9) Al via la “flat tax” per i neo residenti

10) Procedura di Iscrizione e Variazione Azienda: aggiornamento del manuale di classificazione dei datori di lavoro; Assegno per il nucleo familiare e assegno di maternità concessi dai Comuni

***

1) Staffetta Studi di settore (Sds) Indici sintetici affidabilità (Isa): aggiornati territorialità e coerenza

Dagli studi di settore agli Isa. Analizzati dagli esperti gli Indici sintetici di affidabilità. Parere positivo per i correttivi alla territorialità e alla coerenza. Il 7 marzo 2017, in occasione della Commissione degli esperti, sono stati presentati i nuovi Indici sintetici di affidabilità fiscale, che daranno vita a un rapporto completamente nuovo tra Fisco e contribuenti. Dal prossimo anno imprese e professionisti potranno, infatti, avere un riscontro trasparente della correttezza dei propri comportamenti fiscali attraverso una nuova metodologia statistico-economica che stabilirà il grado di affidabilità/compliance su una scala da 1 a 10. I contribuenti che risulteranno “affidabili” avranno accesso a significativi benefici premiali, anche consistenti nell’esclusione o nella riduzione dei termini per gli accertamenti. I primi 70 Isa dovrebbero essere approvati entro dicembre 2017 e i restanti 80 entro il 2018. Durante la riunione di oggi gli esperti hanno, inoltre, dato parere favorevole ad alcuni correttivi per il 2016.

Come funzionano gli Isa

Gli Indici sintetici di affidabilità sono formati da un insieme di indicatori elementari di affidabilità e di anomalia e consentono di posizionare il livello dell’affidabilità fiscale dei contribuenti su una scala da 1 a 10.

In dettaglio, gli indicatori elementari di affidabilità valutano l’attendibilità di relazioni e rapporti tra grandezze di natura contabile e strutturale, tipici per il settore e/o per il modello organizzativo di riferimento, mentre gli indicatori elementari di anomalia valutano incongruenze e situazioni di normalità/coerenza del profilo contabile e gestionale che presentano carattere atipico rispetto al settore e al modello organizzativo cui sono riferiti.

Settori al banco di prova degli Isa

La sperimentazione degli Indici sintetici di affidabilità ha riguardato, in questa prima fase, otto settori economici:

– Commercio all’ingrosso di macchine utensili – M84U

– Commercio al dettaglio di abbigliamento, calzature, pelletterie ed accessori – M05U

– Amministrazione di condomini, gestione di beni immobili per conto terzi e servizi Integrati di gestione agli edifici – K16U

– Attività degli studi di ingegneria – K02U

– Fabbricazioni di calzature, parti e accessori – D08U

– Produzione e commercio al dettaglio di prodotti di panetteria – D12U

– Manutenzione e riparazione di autoveicoli, motocicli e ciclomotori – G31U

– Servizi di ristorazione commerciale – G36U

A partire dalla annualità di imposta 2017 saranno operativi 70 Isa che riguarderanno circa un milione e mezzo di contribuenti. 29 indicatori sintetici di affidabilità saranno sviluppati per il settore del commercio, 15 per le manifatture, 17 per i servizi e 9 per i professionisti.

Per il periodo d’imposta 2018 anche i contribuenti che rientrano nei restanti 80 settori economici avranno a disposizione questo nuovo strumento.

Studi di settore 2016 ok alla modifica della territorialità e della coerenza -…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it