Diario quotidiano del 15 marzo 2017: Sentenze tributarie subito esecutive: decreto in G.U.

Pubblicato il 15 marzo 2017

1) Redditometro: accertamento nullo se lo yacht è stato donato dai genitori
2) Stop alle sanzioni penali se poi vengono pagate le tasse
3) Dati nel registro imprese indelebili per il fallito
4) Sentenze tributarie subito esecutive: decreto in G.U.
5) Equitalia verso Agenzia delle entrate-Riscossione: nominato commissario straordinario
6) Processo tributario telematico: pagamenti on line
7) Evasione fiscale: polizza vita a favore della moglie sequestrabile
10) Donna musulmana licenziata, la Corte Ue: “E’ giusto vietare il velo islamico al lavoro”
11) Fondo di integrazione salariale: domande di assegno di solidarietà
12) Dirigenti civili amministrazione penitenziaria: chiarimenti previdenziali
diario-quotidiano-articoli-91) Redditometro: accertamento nullo se lo yacht è stato donato dai genitori 2) Stop alle sanzioni penali se poi vengono pagate le tasse 3) Dati nel registro imprese indelebili per il fallito 4) Sentenze tributarie subito esecutive: decreto in G.U. 5) Equitalia verso Agenzia delle entrate-Riscossione: nominato commissario straordinario 6) Processo tributario telematico: pagamenti on line 7) Evasione fiscale: polizza vita a favore della moglie sequestrabile 10) Donna musulmana licenziata, la Corte Ue: “E’ giusto vietare il velo islamico al lavoro” 11) Fondo di integrazione salariale: chiarimenti sui termini di presentazione delle domande di assegno di solidarietà 12) Dirigenti civili amministrazione penitenziaria: chiarimenti previdenziali ****

1) Redditometro: accertamento nullo se lo yacht è stato donato dai genitori

La Corte suprema dando ragione al contribuente ha escluso che possa avere rilevanza la circostanza, valorizzata dalla CTR sotto il profilo della inopponibilità all’Amministrazione finanziaria di tali donazioni, per carenza dei prescritti requisiti di forma ex art. 782 cod. civ. .

In particolare, la Corte di cassazione, con la sentenza n. 5419 del 3 marzo 2017, afferma che l'accertamento eseguito dall’Agenzia e delle entrare e poi confermato dalla decisione del giudice di secondo grado riferito alla mancata considerazione dell’aiuto finanziario da parte dei genitori della contribuente, sia per il pagamento dei canoni di locazione sia per l’ulteriore contributo finanziario destinato alle più generali esigenze di vita, risulta inficiato dalla mancata considerazione delle ingenti risorse economiche nella disponibilità dei genitori della contribuente affermato, sia pure ai fini della esclusione della configurabilità della modica donazione, che tali condizioni erano rimaste indimostrate.

Al contrario, dalla documentazione acquisita nell'ambito del giudizio di merito, richiamata in ricorso da parte ricorrente con modalità conformi alle prescrizioni

dell'art. 366 comma primo n. 6 cod. proc. civ., si evince che negli anni di imposta oggetto di accertamento ciascun genitore del contribuente in questione ha presentato dichiarazione dei redditi per diverse centinaia di migliaia di euro.

Se si considera che, secondo quanto riferito in sentenza, le somme che la contribuente assume avere costituito aiuto economico da parte dei genitori ammontano per l'anno 2001 a € 47.000,00, per l'anno 2002 a € 14.142,00 e per l'anno 2003 a € 60.965,00, la valutazione della plausibilità del contributo finanziario dei genitori non potrà essere effettuata prescindendo dal rapporto tra la entità di tali elargizioni ed i redditi personali dei genitori nel medesimo periodo . Analogamente, alla luce di tale circostanza, oltre che dalla particolare compagine societaria della società proprietaria dell'immobile detenuto in locazione dovrà essere rivisitata anche la vicenda relativa alle spese per il pagamento dei canoni di locazione.

In definitiva la Cassazione ha accolto i motivi salienti del ricorso (6,7, e 8) presentato dal contribuente, per cui ne è scaturita la cassazione della decisione.

Motivi esposti dal contribuente ed accolti dalla Corte di cassazione:

Con il sesto motivo si deduce violazione e falsa applicazione dell'art. 738 comma 2 cod. civ. censurandosi la decisione per avere ritenuto, in contrasto con la costante giurisprudenza di legittimità, le donazioni ricevute dai genitori, non di modico valore.

Si evidenzia che nei gradi di merito era stata prodotta ampia documentazione attestante non solo le condizioni economiche della contribuente ma anche il fatto che la famiglia del contribuente era dotata, all'epoca dei fatti, di importanti risorse finanziarie come comprovato dalle dichiarazioni dei redditi dei genitori della contribuente riferite agli anni oggetto di accertamento. La adeguata considerazione delle condizioni economiche dei genitori avrebbe dovuto indurre a configurare gli atti di liberalità di questi come donazioni di modico valore e pertanto opponibili all'Agenzia delle Entrate, senza necessità di forma scritta Con il settimo motivo di ricorso si deduce violazione o falsa applicazione degli artt. 115 e 116 cod. proc. civ. per non avere la CTR valutato le produzioni documentali versate in atti dalla contribuente. Si censura, in particolare, la decisione per avere ritenuto non dimostrate le condizioni economiche del donante pur avendo la contribuente dato prova delle stesse mediante produzione, nel corso del giudizi, delle dichiarazioni dei redditi dei genitori.

Con l'ottavo motivo di ricorso, si deduce, in via subordinata, omessa insufficiente motivazione su un fatto decisivo della controversia, ovvero sulla prova circa le condizioni economiche dei genitori in relazione alle erogazioni effettuate per spirito di liberalità nei confronti della figlia. Si censura la decisione per non avere offerto adeguato supporto motivazionale alla statuizione relativa alla insufficienza o carenza di prova delle condizioni economiche dei donanti.

******

2) Stop alle sanzioni penali se poi vengono pagate le tasse

Se hai soldi eviti la reclusione: secondo la