Libri sociali: entro il 16 marzo le società di capitali devono versare la tassa annuale – Diario quotidiano del 28 febbraio 2017

Pubblicato il 28 febbraio 2017

1) Aggiornata modulistica al Registro delle Imprese
2) Libri sociali: entro il 16 marzo le società di capitali devono versare la tassa annuale
3) In scadenza anche il versamento del saldo IVA del 2016
4) Iva di gruppo: opzione fino a revoca, decreto in G.U.
5) Fisco: la conciliazione giudiziale inibisce ipoteca e sequestro
6) La dichiarazione presentata in ritardo rende legittimo l’accertamento induttivo
7) Legge “salva-risparmio” in G.U.
8) Unioni civili e convivenze di fatto: effetti sulla concessione dei permessi e del congedo straordinario ai lavoratori dipendenti
9) Definizione agevolata cartelle: ai fini del rilascio del DURC positivo non basta presentare l’istanza entro il 31 marzo 2017
10) Per dedurre le spese veterinarie basta solo lo scontrino parlante
diario-quotidiano-articoli-81) Aggiornata modulistica al Registro delle Imprese 2) Libri sociali: entro il 16 marzo le società di capitali devono versare la tassa annuale 3) In scadenza anche il versamento del saldo IVA del 2016 4) Iva di gruppo: opzione fino a revoca, decreto in G.U. 5) Fisco: la conciliazione giudiziale inibisce ipoteca e sequestro 6) La dichiarazione presentata in ritardo rende legittimo l’accertamento induttivo 7) Legge “salva-risparmio” in G.U. 8) Unioni civili e convivenze di fatto: effetti sulla concessione dei permessi e del congedo straordinario ai lavoratori dipendenti del settore privato 9) Definizione agevolata cartelle: ai fini del rilascio del DURC positivo non basta presentare l’istanza entro il 31 marzo 2017 10) Per dedurre le spese veterinarie basta solo lo scontrino parlante

***

1) Aggiornata modulistica al Registro delle Imprese

ComUnica: aggiornamento della modulistica nel Registro delle imprese. Dal 18 aprile 2017 le pratiche di ComUnica potranno essere inviate al Registro delle Imprese utilizzando esclusivamente software conformi alla modulistica aggiornata con le modifiche introdotte alle specifiche tecniche di cui al Decreto del Ministero dello sviluppo economico 6 febbraio 2017.

Sul sito webtelemaco.infocamere.it è già disponibile il software Fedra Plus 06.83.00 che tiene conto di queste ultime variazioni.

Tra le modifiche introdotte da ricordare:

- la creazione di nuovi comuni per fusione di preesistenti;

- le modifiche a codici e denominazioni comuni;

- gli adeguamenti di autorizzazioni per l’assolvimento del bollo virtuale;

- il nuovo codice atto per il bilancio delle microimprese (“718 – Bilancio microimprese”);

- gli adeguamenti dei codici degli uffici registrazione.

Ecco di seguito uno stralcio del citato Decreto 6 febbraio 2017:

Art. 1.

1. Sono approvate le modifiche alle specifiche tecniche di cui al decreto ministeriale 18 ottobre 2013, come modificato, in ultimo, dal decreto ministeriale 11 aprile 2016, elencate nell’allegato A al presente decreto.

2. Le presenti specifiche tecniche acquistano efficacia con decorrenza dal 14 febbraio 2017. A partire dal 18 aprile 2017 non potranno più essere utilizzati programmi realizzati sulla base delle specifiche tecniche approvate con precedenti decreti ministeriali.

******

2) Libri sociali: entro il 16 marzo le società di capitali devono versare la tassa annuale

Entro il prossimo 16 marzo 2017 le società di capitali dovranno versare la consueta tassa annuale per la vidimazione dei libri sociali. Le regole sono le solite. Pertanto il versamento di:

- € 309,87 è dovuto se il capitale o il fondo di dotazione non è superiore a € 516.456,90;

- € 516,46 è dovuto se il capitale o il fondo di dotazione supera € 516.456,90.

Scadenza del 16 marzo 2017

Entro il prossimo 16 marzo le società di capitali, le società consortili, le aziende speciali degli enti locali e i consorzi costituiti fra gli stessi, nonché gli enti commerciali, devono effettuare il versamento della tassa di concessione governativa relativa alla vidimazione dei libri sociali per l’anno 2017.

Per alcune categorie di soggetti (si tratta, come accennato delle S.p.a., S.r.l., S.a.p.a., comprese quelle consortili anche se in liquidazione) è rimasta in vigore l’applicazione dell’imposta di bollo e della tassa di concessione governativa.

Misura del versamento

Questi soggetti sono obbligati a versare una tassa annuale sulle concessioni governative per la numerazione e bollatura di libri e registri contabili pari a:

- € 309,87 euro, se l’ammontare del capitale o del fondo di dotazione non supera l’importo di 516.456,90 euro;

- 516,46 euro, se il capitale sociale o il fondo di dotazione supera tale importo.

La data di riferimento per quantificare il capitale sociale o il fondo di dotazione è il 1° gennaio dell’anno per il quale il versamento viene eseguito. Per il 2017 la data è quella del 1/1/2017.

Resta in vigore anche l’obbligo, all’atto della vidimazione dei libri sociali, di apporre la marca da bollo nella misura di 16,00 euro ogni 100 pagine, in occasione della vidimazione sarà necessario esibire alla Camera di Commercio (o agli altri soggetti abilitati alla vidimazione) il versamento della tassa di concessione governativa eseguito per l’anno in corso.

Soggetti esclusi

Sono escluse dal pagamento della tassa di concessione governativa:

- le società di persone;

- le società cooperative;

- le società di mutua assicurazione;

- gli enti non commerciali;

- le società di capitali sportive dilettantistiche.

Queste società, anche se sono escluse dal versamento della tassa di concessione governativa, sono comunque soggette al pagamento dell’imposta di bollo in misura doppia (32 euro) da applicare sulle pagine del libro giornale e del libro degli inventari.

Libri e registri per i quali è obbligatoria la vidimazione

La vidimazione iniziale è prevista solo per i libri sociali obbligatori di cui all’articolo 2421 del codice civile, in particolare si tratta del:

- libro dei soci;

- libro delle obbligazioni;

- libro delle adunanze e delle deliberazioni delle assemblee;

- libro delle adunanze e delle deliberazioni del consiglio di amministrazione;

- libro delle adunanze e delle deliberazioni del collegio sindacale;

- libro delle adunanze e delle deliberazioni del comitato esecutivo;

- libro delle adunanze e delle deliberazioni delle assemblee degli obbligazionisti;

- ogni altro libro o registro per i quali l’obbligo della bollatura è previsto da norme speciali.

I libri contabili previsti dal codice civile, ovvero libro giornale e libro degli inventari non vanno vidimati ma numerati in maniera progressiva al momento dell’utilizzo, su di essi deve essere apposta, precedentemente all’utilizzo, una marca da bollo nella misura di 16,00 euro per ogni 100 pagine.

Quanto invece ai registri Iva e registro beni ammortizzabili essi non devono essere vidimati, sono soggetti a numerazione ma non alla apposizione della marca da bollo.

Versamento

Il versamento deve essere effettuato con modello F24 utilizzando il codice tributo 7085 nella sezione “Erario” ed indicando,