Diario quotidiano del 21 febbraio 2017: in arrivo un taglio drastico agli sconti fiscali? Si tratta di ipotesi della manovra correttiva

1) Le dichiarazioni del terzo recepite dall’avviso di accertamento hanno valore meramente indiziario

2) Detassazione premi di risultato per le PMI

3) Professioni: il collaboratore di studio non rilascia quietanze

4) Governo: in arrivo un taglio drastico ai bonus fiscali?

5) Riforma della pubblica amministrazione e delle società partecipate

6) La norma che ha tolto l’obbligo di deposito della copia dell’appello presso la Commissione tributaria provinciale non vale per il passato

7) In presenza di debiti erariali non serve donare ai propri familiari. Ma non solo si rischia il penale

8) Niente controlli sugli smartphone dei dipendenti

9) Termini di rettifica dichiarazione fiscale a proprio favore: circolare di Assonime

10) Obbligo dell’utilizzo del ticket per le domande di integrazione salariale straordinaria

***
1) Le dichiarazioni del terzo recepite dall’avviso di accertamento hanno valore meramente indiziario
La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 16711/2016, si é soffermata sull’idoneità probatoria delle dichiarazioni dei terzi ai fini della legittimità dell’accertamento
In particolare, che: “l’idoneità probatoria delle dichiarazioni dei terzi a suffragare la legittimità dell’accertamento in rettifica che su di esse venga a fondarsi risulta di regola apprezzabile solo nell’ambito di un ragionamento inferenziale che ne faccia materia di ponderazione nel concorso di ulteriori elementi di giudizio, a meno che non diano esse stesse vita, per qualità e quantità di indicazioni significative, ad un quadro circostanziale sussumibile per gravità, precisione e concordanza nello schema della prova presuntiva”.
Sulla base di tale recentissima pronuncia la CTR di Firenze ha ribaltato la sentenza di primo grado che aveva ritenuto non meritevole di accoglimento il ricorso del contribuente. Il collegio ritiene, infatti, che le dichiarazioni del terzo recepite dall’avviso di accertamento hanno valore meramente indiziario e possono concorrere alla formazione del convincimento del giudice solo se supportati da altri elementi di prova.
(Comm. Trib. Reg. per la Toscana, Sentenza n. 83/31 del 12/01/2017)
******
2) Detassazione premi di risultato per le PMI
In che modo le piccole imprese, prive di sindacato interno, possono beneficiare della detassazione dei premi di risultato per i propri lavoratori ?.
La risposta giunge dalla Fondazione Studi Consulenti del Lavoro che, con il parere n. 1 del 20 febbraio 2017, interviene sull’applicazione della tassazione agevolata del 10% sui premi di risultato. Secondo quanto disposto dall’art. 1 della legge n.208/2015, per fruire della tassazione agevolata l’impresa deve stipulare un contratto aziendale o territoriale.
Le piccole realtà imprenditoriali che non hanno un sindacato interno possono, invece, scegliere di raggiungere un’intesa con il sindacato più rappresentativo a livello nazionale oppure optare per altre soluzioni. Se l’azienda è iscritta ad associazioni di categoria, è obbligata ad applicare il contratto territoriale sottoscritto dalla propria associazione. In caso contrario, invece, è libera di recepire un qualsiasi contratto territoriale senza vincoli di territorio o di settore, così come disposto dall’art. 39 della Costituzione sui diritti sindacali.
PARERE NUMERO 1 DEL 18/02/2017
È stato chiesto di sapere in quale modo è possibile per le piccole imprese prive di sindacato interno, di beneficiare della detassazione dei premi di risultato corrisposti ai propri lavoratori.
***
L’art. 1 commi da 182 a 189 della legge n. 208/2015 introduce una disposizione strutturale nel nostro ordinamento con cui disciplina un regime agevolato di natura fiscale per le somme corrisposte a titolo di premio di risultato di ammontare variabile e per le somme erogate sotto forma di partecipazione agli utili dell’impresa. La disciplina agevolativa si pone, dunque, come strumento stabile di sostegno alla contrattazione di secondo livello …

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in alto a destra. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it