Diario quotidiano del 14 febbraio 2017: niente questionario a sorpresa al contribuente in caso di accertamento

1) Quando è valida la notifica della cartella al portiere

2) Revisori Enti locali: fruibile da ieri il corso di formazione on line

3) Agevolazioni industria 4.0 per l’incremento degli investimenti

4) Per l’esenzione dall’IMU sulla prima casa non occorre che la residenza risulti nell’Anagrafe

5) Accertamento fiscale: niente questionario a sorpresa al contribuente

6) E’ possibile svalutare il prezzo di un bene aziendale senza avere particolari ripercussioni fiscali

7) Record riscossione per Equitalia

8) Dichiarazione IMU/TASI per enti non commerciali: arriva la nuova versione del modulo di controllo

9) Fondo di garanzia prima casa: già ricevute 14.000 richieste

10) Istanza di adesione con raccomandata: validità della data di spedizione

*****
1) Quando è valida la notifica della cartella al portiere
In sede di notifica di una cartella di pagamento nelle mani del portiere, il messo notificatore deve prima riportare nella “relata” dei dati essenziali che dimostrano l’impossibilità di consegna dell’atto al contribuente interessato. Solo così la notificazione è ritenuta valida.
Difatti, la Corte di Cassazione, con la sentenza n. 3595 del 10 febbraio 2017., ha stabilito che la notifica è nulla quando la relazione dell’ufficiale giudiziario è priva delle attestazioni sul mancato rinvenimento di altre persone legittimate a ricevere il plico.
Dunque, l’agente notificatore deve dare atto nella relata, oltreché del mancato rinvenimento del destinatario, delle ricerche delle altre persone preferenzialmente abilitate a ricevere l’atto.
Altrimenti tutta la procedura di notifica è nulla, con tutta felicitazione dal parte del contribuente (nel caso di specie, una società).

******
2) Revisori Enti locali: fruibile da ieri il corso di formazione on line
Realizzato nel 2016 dal Consiglio nazionale dei commercialisti, è condiviso con il Ministero degli Interni per l’iscrizione nell’Elenco dei revisori.
È fruibile dal 13 febbraio 2017, e fino al 30 novembre 2017, la seconda edizione del corso di formazione professionale a distanza in materia di ordinamento contabile degli Enti locali, realizzato nel 2016 dal Consiglio nazionale dei commercialisti in collaborazione con il Ministero degli Interni, la Ragioneria generale dello Stato e la Fondazione nazionale dei commercialisti.
Lo aveva reso noto lo stesso Consiglio nazionale attraverso la nota informativa n. 10/2017 (si veda nel diario quotidiano del 13 febbraio 2017). La frequenza del corso fornirà ai partecipanti i crediti formativi necessari per l’iscrizione all’Elenco dei revisori dei conti degli Enti locali.
La piattaforma e-learning garantirà la partecipazione gratuita non solo agli oltre 117mila iscritti all’Albo dei commercialisti, ma anche ai revisori degli Enti locali, ai revisori legali dei conti, ai funzionari degli Enti locali e delle Prefetture.
Importanti i numeri della prima edizione del corso, inaugurata a ottobre del 2015: oltre 8.300 utenti unici che hanno fruito di almeno un corso online e più di 56.000 crediti erogati in materia C.7 bis (Contabilità pubblica e gestione economica e finanziaria degli enti territoriali).
Il corso si articola in 18 moduli di circa un’ora, fruibili separatamente, ciascuno dei quali consentirà – dopo il superamento di un test – di acquisire un credito formativo professionale.
La fruizione dei singoli moduli sarà consentita a tutti i commercialisti che non abbiano già fruito del modulo nell’anno 2016, previo riconoscimento sulla base del codice fiscale (password primo accesso: fadcndcec). Il sistema erogherà online i test e la valutazione. L’attestazione della fruizione e dei crediti maturati verrà inviata automaticamente all’iscritto via email al termine di ciascun modulo (l’attestazione verrà anche archiviata nell’area dedicata ai certificati).
(CNDCEC, nota del 13 febbraio 2017)
*******
3) Agevolazioni industria 4.0 per l’…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it