Riparte il tax credit per gli alberghi ed il credito d’imposta per gli investimenti al Sud – Diario quotidiano del 10 febbraio 2017

Pubblicato il 10 febbraio 2017

1) Alberghi: riavviato il tax credit digitalizzazione
2) Ecco in quali è valido l’avviso di accertamento notificato prima dei fatidici 60 giorni
3) Spesomentro da trimestrale passa a semestrale
4) Approvato il decreto con gli incentivi fiscali per il Sud
5) Iri: come gestire il plafond nel caso di perdite
6) Agenzia delle Entrate e Mef presentano i risultati del 2016
7) Entro quando si notifica la cartella esattoriale in casi particolari: intervento della Cassazione
8) Procedure di erogazione delle prestazioni del fondo per le vittime dell’amianto in favore degli eredi
9) Governo: proroga dell’Osservatorio nazionale sulla condizione delle persone con disabilità
10) Intervento del Presidente di Assonime al convegno annuale sul fisco
diario-quotidiano-articoli-81) Alberghi: avviso istanze tax credit 2) Ecco in quali è valido l’avviso di accertamento notificato prima dei fatidici 60 giorni 3) Spesomentro da trimestrale passa a semestrale 4) Approvato il decreto con gli incentivi fiscali per il Sud 5) Iri: come gestire il plafond nel caso di perdite 6) Agenzia delle Entrate e Mef presentano i risultati del 2016 7) Entro quando si notifica la cartella esattoriale in casi particolari: intervento della Cassazione 8) Procedure di erogazione delle prestazioni del fondo per le vittime dell’amianto in favore degli eredi 9) Governo: proroga dell’Osservatorio nazionale sulla condizione delle persone con disabilità 10) Intervento del Presidente di Assonime al convegno annuale sul fisco ****

1) Alberghi: avviso istanze tax credit

Il Ministero dei beni culturali ha reso noti i termini di presentazione delle istanze relative al 2016 per accedere al credito d’imposta per la digitalizzazione delle strutture ricettive, delle agenzie viaggio e dei tour operator.

Tax credit per la digitalizzazione delle strutture ricettive, agenzie di viaggio e tour operator in relazione al Modello Redditi 2017 (periodo d’imposta 2016).

Il Ministero ha comunicato le seguenti date:

Compilazione dell’istanza dalle ore 10:00 del 9 Febbraio 2017 fino alle ore 16:00 del 23 Febbraio 2017.

Viene poi comunicato che l’ultimo giorno utile alla compilazione della domanda (giovedì 23 febbraio 2017) per Tax credit digitalizzazione non verrà garantito una tempestiva risposta alle e-mail che dovessero pervenire.

Click day dalle ore 10:00 del 27 Febbraio 2017 alle ore 16:00 del 28 Febbraio 2017.

L’istanza deve essere presentata in forma telematica, insieme all’attestazione di effettività delle spese sostenute, tramite il Portale dei Procedimenti https://procedimenti.beniculturali.gov.it/procedimenti/concorsi/pagepubliclogin.aspx Informazioni per problematiche esclusivamente afferenti al procedimento è attiva la seguente casella di posta elettronica: taxcreditdigitalizzazione@beniculturali.it Per problemi riguardanti aspetti tecnico-informatici è attiva la casella di posta elettronica procedimenti@beniculturali.it

******

2) Ecco in quali è valido l’avviso di accertamento notificato prima dei fatidici 60 giorni

E’ possibile emettere l’avviso di accertamento anticipato, prima dei fatidici 60 giorni, in relazione all’Irap, preceduto dalla richiesta di documentazione contabile (nel caso di specie, di un questionario).

Lo ha rimarcato la Corte di Cassazione, con l’ordinanza n. 3404 del 8 febbraio 2017.

La Suprema Corte ritiene che, in tema di tributi non armonizzati (nel caso di specie, l’Irap), le garanzie fissate nell’art. 12, comma 7, Legge n. 212/2000 (statuto del contribuente) si applicano solo in relazione agli accertamenti conseguenti ad accessi, ispezioni e verifiche fiscali effettuate nei locali ove si esercita l’attività imprenditoriale o professionale del contribuente.

Non occorre che l’operazione abbia o meno comportato constatazione di violazioni fiscali (Cass. nn. 15010/14, 9424/14 e 5374/14).

La Corte di legittimità ha, così, respinto il ricorso presentato da una associazione professionale, cui ha applicato il raddoppio del contributo unificato.

******

3) Spesomentro da trimestrale passa a semestrale

Prima ancora della riunione del tavolo tecnico convocato al ministero dell'Economia dal viceministro Luigi Casero per discutere con i vertici del Consiglio nazionale e dei sindacati dei commercialisti, è trapelata la notizia che è tramontata l’ipotesi dell’esistenza di uno spesometro trimestrale, difatti l’invio sarà solo semestrale per il 2017.

L’emendamento 14.0.15 al decreto Milleproroghe, presentato dal senatore Francesco Russo e condiviso dal Governo, prevede che la trasmissione degli invii dei dati per lo spesometro sarà semestrale per il 2017 e non trimestrale.

Si prevede in particolare che limitatamente al 2017 le comunicazioni possono essere effettuate per il primo semestre entro il 16 settembre 2017 e per il secondo semestre entro il mese di febbraio 2018.

L’8 febbraio scorso si è svolta la suddetta riunione del tavolo tecnico per tentare di trovare delle soluzioni che possano indurre i professionisti a revocare l'astensione dal lavoro. Nulla di fatto sulla richiesta di concedere la “rimessione nei termini” (lo «scudo» per proteggere i contribuenti da eventuali sanzioni, in caso di ritardi negli adempimenti, causati dallo sciopero proclamato dal 26 febbraio al 6 marzo). E la conferma che il semaforo verde sarà acceso su una correzione (a metà) concernente lo Spesometro: Sarà semestrale l’invio dei dati delle dichiarazioni IVA nel 2017, mentre al momento non sarebbe stata accolta la proposta di fissare una scadenza annuale per il 2018.

******

4) Approvato il decreto con gli incentivi fiscali per il Sud

Approvato il decreto per gli interventi sulla coesione sociale e territoriale e il Mezzogiorno.

La Camera ha approvato il disegno di legge di conversione in legge del Decreto legge 29 dicembre 2016, n. 243, recante interventi urgenti per la coesione sociale e territoriale, con particolare riferimento a situazioni critiche in alcune aree del Mezzogiorno (C. 4200-A). Il provvedimento passa ora all’esame del Senato.

Tra le varie misure, emerge quella contenuta nell’art. 7-quater recante misure in materia di credito d’imposta.

L’articolo 7-quater, inserito nel corso dell’esame parlamentare, modifica in parte la disciplina del credito d’imposta per l'acquisto di beni strumentali nuovi destinati a strutture produttive nelle zone assistite ubicate nelle regioni del Mezzogiorno, introdotta dalla legge di stabilità 2016 (articoli 1, commi da 98 a

108, della legge n. 208 del 2015).

In particolare si prevede:

- l’inclusione della Sardegna fra le regioni del Mezzogiorno ammesse alla deroga alla disciplina in tema di aiuti di Stato, in quanto regione ove il tenore di vita sia anormalmente basso, oppure si abbia una grave forma di sottoccupazione (articolo 107, paragrafo 3, lett. a), del TFUE), in luogo della deroga attualmente prevista, ovvero per il caso di aiuti destinati ad agevolare lo sviluppo di talune attività o di talune regioni economiche, sempre che non alterino le condizioni degli scambi in misura contraria al comune interesse (articolo 107, paragrafo 3, lett. c), del TFUE); si evidenzia