Rassegna di giurisprudenza tributaria: tanti casi sull'IRAP

queen_of_heartsContinuiamo ad illustrare le sentenze della Corte di Cassazione (ma anche delle Commissioni Tributarie) in tema di debenza dell’Irap In questa puntata spicca sicuramente la sentenza della Cassazione a Sezioni Unite circa il l’esonero da Irap per chi ha un collaboratore stabile con mansioni meramente esecutive

****

La fama non è sinonimo di autonoma organizzazione

L’esercente arte o professione è soggetto ad Irap nella misura in cui sia verificata la sussistenza del presupposto impositivo dell’autonoma organizzazione non rilevando l’entità del reddito dichiarato in sé bensì le eventuali risorse eccedenti l’id quod plerumque accidit secondo i principi elaborati dalla giurisprudenza di legittimità.

(Cassazione, ordinanza n. 27032/2013)

Le spese per viaggi non sono sinonimo di organizzazione

E’ soggetto passivo dell’Irap colui che si avvalga, nell’esercizio dell’attività di lavoro autonomo, di una struttura organizzata in un complesso di fattori che, per numero, importanza e valore economico, sono suscettibili di creare un valore aggiunto rispetto alla mera attività intellettuale supportata dagli strumenti indispensabili e di corredo al suo know-how, potendosi escludere il presupposto di imposta quando il risultato economico trovi ragione esclusivamente nell’autoorganizzazione del professionista o, comunque, quando l’organizzazione da lui predisposta abbia un’incidenza marginale e non richieda necessità di coordinamento.

La motivazione della sentenza (impugnata) risulta, ad un tempo, insufficiente e contraddittoria, avendo i giudici tributari, pur accertata l’assenza, nello svolgimento dell’attività da parte del professionista, dell’ausilio di dipendenti o di collaboratori (salvo che per l’anno 1999, per l’importo di L. 1.100.000, dato, peraltro, questo, frutto, secondo la ricorrente, di un mero errore materiale), attribuito rilievo decisivo ai compensi percepiti dall’avvocato negli anni d’imposta ed alle spese dalla medesima contribuente sostenute, non per l’acquisto beni strumentali (così descritti dalla ricorrente, nel presente ricorso: “un’autovettura, mobili, arredi ed attrezzature necessarie per l’espletamento dell’attività professionale”), ma essenzialmente per “spostamenti e viaggi, anche all’estero”, elementi questi inidonei ad individuare il presupposto impositivo, ai fini IRAP, dell’autonoma organizzazione, quale sopra descritta, potendo essi anche ricollegarsi all’esercizio dell’attività professionale senza alcuna effettiva organizzazione di capitali e lavoro altrui.

(Cassazione, sentenza n. 27213/2013)

Niente irap per chi ha un solo collaboratore “stabile

A norma del combinato disposto del D.Lgs. 15 dicembre 1997, n. 446, art. 2, primo periodo, e art. 3, c. 1, lett. c, l’esercizio delle attività di lavoro autonomo di cui all’art. 49, c. 1 (nella versione vigente fino al 31/12/2003), ovvero al D.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917, art. 53, c. 1, (nella versione vigente dal 1/1/2004), è escluso dall’applicazione dell’imposta regionale sulle attività produttive (IRAP) solo qualora si tratti di attività non autonomamente organizzata. I1 requisito dell’autonoma organizzazione, il cui accertamento spetta al giudice di merito ed è insindacabile in sede di legittimità se congruamente motivato, ricorre quando il contribuente:

a) sia, sotto qualsiasi forma, il responsabile dell’organizzazione e non sia, quindi, inserito in strutture organizzative riferibili ad altrui responsabilità ed interesse;

b) impieghi beni strumentali eccedenti, secondo l’id quod pderumque accidit, il minimo indispensabile per l’esercizio dell’attività in assenza di organizzazione, oppure si avvalga in modo non occasionale di lavoro altrui.

Se fra “gli elementi suscettibili di combinarsi con il lavoro dell’interessato, potenziandone le possibilità necessarie”, accanto ai beni strumentali vi sono i mezzi “personali” di cui egli può avvalersi per lo svolgimento dell’attività, perchè questi…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it