Modello 770 si prospetta un'estate di passione?

2017I commercialisti scendono in campo o meglio in “sciopero” e le ragioni anche se intuibili trovano conferma nell’obbligo di presentazione del modello 770/2017 (periodo di imposta 2016) entro la scadenza del 31 luglio prossimo.

Si arriverà all’ennesimo rinvio? L’interrogativo è d’obbligo se si considera che negli ultimi anni è stata sempre necessaria una proroga della scadenza. Con riferimento all’ultimo adempimento (periodo di imposta 2016) il termine è stato differito dal 31 luglio al 15 settembre 2016.

Ora le ragioni che evidenziano immediatamente l’inadeguatezza della data risiedono nei nuovi obblighi previsti dal decreto legge n. 193/2016.

Al fine di rendere meno gravosa l’entrata in vigore dei nuovi obblighi, durante la fase di conversione in legge del decreto è stato previsto che lo spesometro relativo ai primi due trimestri e i dati relativi alle liquidazioni Iva periodiche dovranno essere inviati all’Agenzia delle entrate entro il 25 luglio prossimo. A regime gli adempimenti dovranno essere effettuati entro l’ultimo giorno del secondo mese successivo al trimestre di riferimento. Ad esempio i dati del periodo gennaio/marzo dovranno essere trasmessi entro il 31 maggio successivo.

La scadenza del 25 luglio se da una parte rappresenta un “termine transitorio”, dall’altra precede di soli sei giorni il termine per l’invio telematico delle dichiarazioni del sostituto di imposta. L’invio deve essere effettuato, in questo caso, come indicato chiaramente dalle istruzioni per la compilazione, entro il 31 luglio 2017. Il modello e le predette istruzioni sono state approvate con provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle entrate del 16 gennaio 2017 (Prot. n. 10047/2017).

Una delle novità di quest’anno è rappresentata dall’accorpamento del modello 770 semplificato e ordinario. Ad esempio se il sostituto di imposta ha operato nel corso dell’anno ritenute nei confronti di lavoratori autonomi e dipendenti ed ha anche deliberato la distribuzione di utili, l’adempimento non dovrà essere “sdoppiato”.

Anche quest’anno, come in passato, è possibile presentare separatamente la parte relativa ai lavoratori autonomi e agli agenti e rappresentanti di commercio rispetto a quella relativa ai dipendenti e ai percipienti di redditi assimilati. Le istruzioni prevedono espressamente che “E’ data facoltà ai sostituti d’imposta di suddividere il Mod. 770 inviando, oltre al frontespizio, i prospetti SS, ST, SV, SX ed SY relativi alle ritenute operate sui redditi di lavoro dipendente ed assimilati separatamente dai relativi prospetti SS, ST, SV, SX, ed SY relativi alle ritenute operate sui redditi di lavoro autonomo, provvigioni e redditi diversi”. Allo stesso modo sarà possibile presentare separatamente il frontespizio con l’indicazione dei dati che fino allo scorso anno entravano a far parte del modello 770 ordinario.

L’accavallamento delle scadenze sarà inevitabile anche per coloro che intenderanno beneficiare della possibilità di effettuare il versamento a saldo delle imposte sui redditi entro i 30 giorni successivi con l’aggiunta dello 0,40%. In questo caso essendo stata differita la scadenza “ordinaria” dal 16 giugno al 30 giugno, il termine “lungo” avrà scadenza il 30 luglio. In buona sostanza si concentreranno nel periodo compreso tra il 25 luglio e la fine dello stesso mese tre importanti appuntamenti con il Fisco. Il “nuovo” calendario fiscale nasce già “vecchio”.

25 gennaio 2017

Nicola Forte

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it