Lo spesometro trimestrale: le novità in arrivo

Comunicazione dati fatture emesse e ricevute: modifiche apportate dalla legge di conversione

La legge di conversione del DL 193/2016, ha modificato parzialmente la disposizione originaria riguardante la Comunicazione dei dati delle fatture emesse e ricevute. Di seguito si ripropone la disciplina integrata con le modifiche.
Dal 1° gennaio 2017 i soggetti passivi IVA dovranno trasmettere telematicamente all’AE una nuova Comunicazione contenente i dati relativi a:
– tutte le fatture rilevanti ai fin IVA emesse nel trimestre di riferimento;

– tutte le fatture ricevute e registrate, comprese le bollette doganali;

– tutte le relative variazioni.

I dati, da inviare in forma analitica, comprenderanno almeno:

– i dati identificativi dei soggetti coinvolti nelle operazioni;

– la data e il numero della fattura;

– la base imponibile;

– l’aliquota applicata;

– l’imposta;

– la tipologia dell’operazione.

Gli agricoltori in regime di esonero situati in zone diverse da quelle montane (di cui all’art. 9 DPR 601/73) dovranno effettuare l’invio, nonostante il loro esonero dagli obblighi documentali e contabili ai fini IVA, compreso quello della dichiarazione annuale.

La Comunicazione verrà trasmessa entro le scadenze indicate in tabella:

Trimestre

Scadenza

Gennaio – marzo

31 maggio (1)

Aprile – giungo

31 agosto (1)

Luglio – settembre

30 novembre

Ottobre – dicembre

mese di febbraio dell’anno successivo

(1) Solo per il primo anno (2017), la prima scadenza è semestrale, anziché trimestrale, e il termine è fissato al 25 luglio 2017.

Le concrete modalità di invio saranno definite con apposito provvedimento dell’AE.
Anche per i tempi e le modalità di assolvimento degli obblighi di conservazione occorrerà attendere apposito provvedimento dell’AE.

L’omessa o errata trasmissione dei dati di ogni fattura comporterà una sanzione di € 2, con un massimo di € 1.000 a trimestre. Tuttavia, se la trasmissione o la correzione è effettuata entro i 15 giorni successivi alla scadenza originaria, la sanzione è ridotta alla metà, entro il limite massimo di € 500. Non potrà inoltre essere applicato il cumulo giuridico.

Per il necessario adeguamento tecnologico, ai soggetti in attività nel 2017 e che, nell’anno precedente a quello di sostenimento del costo per tale adeguamento, hanno realizzato un volume d’affari non superiore a € 50.000, è attribuito, una sola volta, un credito d’imposta pari a € 100, utilizzabile in compensazione, dal 1° gennaio 2018, secondo le consuete regole e modalità. L’agevolazione è concessa nei limiti e alle condizioni delle regole sugli aiuti “de minimis”.

Riferimento normativo: Art. 4 cc. 1, 3 e 4 del D.L. n. 193/2016 convertito in Legge n. 225/2016

7 dicembre 2016

Vincenzo D’Andò

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it