F24: istituite causali per pagare i contributi dovuti alla Cassa di Previdenza dei Ragionieri Commercialisti – La legge di bilancio viaggerà blindata al Senato – diario quotidiano del 7 dicembre 2016

Pubblicato il 7 dicembre 2016

1) F24: istituite causali per pagare i contributi dovuti alla Cassa di Previdenza dei ragionieri
2) Al via la ripresa dell’attività imprenditoriale con le procedure di recupero del credito
3) Entrate tributarie: 347 miliardi nei primi 10 mesi dell’anno (+4,2%)
4) Uscita dal territorio doganale dell’U.E. delle armi: nota delle Dogane
5) Liquidazione delle Srl: aspetti civili, contabili e fiscali chiariti dalla Fondazione di Ragioneria
6) Comunicazione dati fatture emesse e ricevute (spesometro trimestrale) come da Legge 225/2016
7) Cessioni immobiliari: niente presunzioni sulle plusvalenze
8) Compensi ai liquidatori in Gazzetta Ufficiale
9) Il canale YouTube dell’Agenzia delle Entrate si specializza “in lingue”
10) Istanza di rimborso IVA con visto di conformità garantito da polizza assicurativa con massimale inferiore alla somma chiesta a rimborso
11) Manifestazione dei commercialisti a Piazza Santi Apostoli
12) Legge di bilancio blindata al Senato, ok e dimissioni di Renzi e consultazioni
13) Disabili: dall'1 gennaio obbligo di assumere un disabile per le aziende che occupano almeno 15 dipendenti
14) Invio telematico delle fatture e dei corrispettivi: più tempo per l’opzione 2017
comm.tel-leggi.bilancio-21) F24: istituite causali per pagare i contributi dovuti alla Cassa di Previdenza dei ragionieri 2) Al via la ripresa dell’attività imprenditoriale con le procedure di recupero del credito 3) Entrate tributarie: 347 miliardi nei primi 10 mesi dell’anno (+4,2%) 4) Uscita dal territorio doganale dell’U.E. delle armi: nota delle Dogane 5) Liquidazione delle Srl: aspetti civili, contabili e fiscali chiariti dalla Fondazione di Ragioneria 6) Comunicazione dati fatture emesse e ricevute (spesometro trimestrale) come da Legge 225/2016 7) Cessioni immobiliari: niente presunzioni sulle plusvalenze 8) Compensi ai liquidatori in Gazzetta Ufficiale 9) Il canale YouTube dell’Agenzia delle Entrate si specializza “in lingue” 10) Istanza di rimborso IVA con visto di conformità garantito da polizza assicurativa con massimale inferiore alla somma chiesta a rimborso 11) Manifestazione dei commercialisti a Piazza Santi Apostoli 12) Manovra blindata al Senato, ok e dimissioni di Renzi e consultazioni 13) Disabili: dal 1° gennaio obbligo di assumere un disabile per le aziende che occupano almeno 15 dipendenti 14) Invio telematico delle fatture e dei corrispettivi: più tempo per l’opzione 2017

***

1) F24: istituite causali per pagare i contributi dovuti alla Cassa di Previdenza dei ragionieri

L’Agenzia delle entrate ha istituito le causali per il versamento, tramite modello F24, dei contributi previdenziali e assistenziali dovuti dagli iscritti alla Associazione Cassa Nazionale di Previdenza ed Assistenza a favore dei Ragionieri e Periti commerciali (CNPR). Attribuzione del codice ente identificativo della CNPR.

Il decreto interministeriale del 10 gennaio 2014 del Ministro dell’Economia e delle Finanze, di concerto con il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, ha stabilito che il sistema dei versamenti unitari e la compensazione, previsti dall’articolo 17 del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241, si applicano, tra gli altri, anche all’Associazione Cassa Nazionale di Previdenza ed Assistenza a favore dei Ragionieri e Periti commerciali (di seguito CNPR).

Con la convenzione del 16 novembre 2016, stipulata tra l’Agenzia delle entrate e la CNPR, è stato regolato il servizio di riscossione mediante il modello F24 dei contributi previdenziali e assistenziali dovuti dagli iscritti al suddetto Ente.

Ciò premesso, per consentire il versamento dei contributi in parola tramite il modello F24, secondo le indicazioni fornite dalla CNPR, si istituiscono le seguenti causali contributo:

E075” denominato “CNPR - Contributi anno corrente”;

E076” denominato “CNPR - Contributi anni precedenti”

E077” denominato “CNPR - Sanzioni, interessi e spese legali anno corrente”;

E078” denominato “CNPR - Sanzioni, interessi e spese legali anni precedenti”;

E079” denominato “CNPR - Contributi da ricongiunzione”;

E080” denominato “CNPR - Contributi da riscatto” ;

E081” denominato “CNPR - Contributi volontari”;

E082” denominato “CNPR - Rateazione”.

In sede di compilazione del modello F24, le suddette causali contributo sono esposte nella sezione “Altri enti previdenziali e assicurativi” (secondo riquadro) in corrispondenza, esclusivamente, delle somme indicate nella colonna “importi a debito versati”, indicando:

- nel campo “codice ente”, il codice “0010”;

- nel campo “codice sede”, nessun valore;

- nel campo “codice posizione”, nessun valore;

- nel campo “periodo di riferimento da mm/aaaa a mm/aaaa”, il periodo di competenza del contributo da versare, nel formato “MM/AAAA”.

(Agenzia delle entrate, risoluzione n. 111/E del 5 dicembre 2016)

******

2) Al via la ripresa dell’attività imprenditoriale con le procedure di recupero del credito

In tema di misure per l’efficienza e l’accelerazione delle procedure di recupero del credito è incentrata la circolare di Assonime n. 26 del 5 dicembre 2016.

Con il decreto legge 3 maggio 2016, n. 5, convertito con modificazioni dalla legge 30 giugno 2016, n. 119, sono state introdotte alcune importanti misure volte ad accelerare e rendere più efficiente il recupero giudiziale dei crediti. Le nuove norme modificano le disposizioni in materia di procedure esecutive e concorsuali, contenute rispettivamente nel codice di procedura civile e nella legge fallimentare, e introducono nuovi modelli di garanzia per i finanziamenti destinati all’esercizio dell’attività d’impresa, con lo scopo di rafforzare la tutela del credito e la ripresa dell’attività imprenditoriale

******

3) Entrate tributarie: 347 miliardi nei primi 10 mesi dell’anno (+4,2%)

Nel periodo gennaio-ottobre 2016 le entrate tributarie erariali, accertate in base al criterio della competenza giuridica, ammontano a 347.005 milioni di euro, in aumento del 4,2% (+14.101 milioni di euro) rispetto allo stesso periodo del 2015. Si segnala che quest’anno il canone televisivo è versato a partire dal mese di agosto, mentre con la previgente normativa affluiva all’erario nei primi mesi dell’anno. Al mese di ottobre risultano versati complessivamente 1.850 milioni di euro. Il dato definitivo sarà disponibile solo dopo i riversamenti che saranno effettuati all’erario nel mese di gennaio 2017. Neutralizzando gli effetti sul gettito dei versamenti dell’imposta di bollo, che dal 2016 hanno una diversa modalità di riscossione, e di quelli del canone televisivo, le entrate tributarie nel periodo in esame aumentano del 4,6%.

IMPOSTE DIRETTE

Registrano un gettito complessivamente pari a 187.337 milioni di euro, in aumento del 3,7% (+6.625 milioni di euro) rispetto allo stesso periodo del 2015. Le entrate IRPEF ammontano a 144.616 milioni di euro (+3,2% pari a +4.467 milioni di euro) per effetto principalmente dell’andamento positivo delle ritenute da lavoro dipendente (+2,8% pari a +3.295 milioni di euro). L’andamento risente sia degli effetti delle disposizioni del D. Lgs. n. 175/2014 relative al modello di versamento delle imposte, che prevedono l’indicazione dell’Irpef al lordo delle compensazioni effettuate(1), sia dell’incremento delle ritenute a titolo di acconto (+16,1% pari a +209 milioni di euro) applicato ai pagamenti delle spese e degli interventi di ristrutturazione edilizia. Il gettito IRES registra un incremento di 1.7