Riduzione Camere di Commercio: decreto in Gazzetta Ufficiale

l Decreto Legislativo n. 219 del 25 novembre 2016, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 276 del 25 novembre 2016, prevede una riduzione del numero delle Camere presenti sul territorio italiana seguendo i seguenti criteri:
– l’esistenza di almeno una Camera di commercio per Regione;
– l’accorpamento delle Camere di commercio con meno di 75mila imprese iscritte;
– il raggiungimento di un numero massimo di 60 camere entro 180 giorni dall’entrata in vigore del decreto.
Il decreto prevede, sentite le Organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative, un piano complessivo di razionalizzazione organizzativa che contiene, sulla base delle indicazioni delle Camere di Commercio:
– il riassetto degli uffici e dei contingenti di personale;
– la conseguente rideterminazione delle dotazioni organiche del personale dirigente e non dirigente, nonché la rideterminazione delle risorse finanziarie dei corrispondenti fondi per la contrattazione collettiva decentrata integrativa;
– la razionale distribuzione del personale dipendente delle camere di commercio.
Funzioni delle camere di commercio
Le camere di commercio, singolarmente o in forma associata, nell’ambito della circoscrizione territoriale di competenza, svolgono le funzioni relative a:
– pubblicità legale generale e di settore mediante la tenuta del registro delle imprese, del Repertorio economico amministrativo e degli altri registri ed albi attribuiti alle camere di commercio dalla legge;
– formazione e gestione del fascicolo informatico di impresa;
– tutela del consumatore e della fede pubblica, vigilanza e controllo sulla sicurezza e conformità dei prodotti e sugli strumenti soggetti alla disciplina della metrologia legale, rilevazione dei prezzi e delle tariffe, rilascio dei certificati di origine delle merci e documenti per l’esportazione;
– sostegno alla competitività delle imprese e dei territori;
– valorizzazione del patrimonio culturale nonché sviluppo e promozione del turismo;
– competenze in materia ambientale e supporto alle piccole e medie imprese per il miglioramento delle condizioni ambientali;
– orientamento al lavoro e alle professioni;
– assistenza e supporto alle imprese in regime di libera concorrenza da realizzare in regime di separazione contabile;
– attività oggetto di convenzione con le regioni ed altri soggetti pubblici e privati stipulate compatibilmente con la normativa europea.
Operatività
Le camere di commercio possono costituire, previa approvazione del Ministro dello sviluppo economico, in forma singola o associata, aziende speciali che costituiranno organismi strumentali con il compito di realizzare le iniziative funzionali al perseguimento le finalità istituzionali e del proprio programma di attività.
Per le camere di commercio, le loro unioni regionali, nonché per le loro aziende speciali, tutti gli incarichi degli organi diversi dai collegi dei revisori sono svolti a titolo gratuito. Sarà un decreto del Ministro dello sviluppo economico, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze, a stabilire:
– le indennità spettanti ai componenti dei collegi dei revisori dei conti delle camere di commercio, delle loro aziende speciali e delle unioni regionali,
– i criteri di rimborso delle spese sostenute per lo svolgimento dell’incarico per i componenti di tutti gli organi,
– i limiti al trattamento economico degli amministratori, dei dirigenti e dei dipendenti delle aziende speciali e delle unioni regionali.
L’attività svolta sarà soggetta alla vigilanza del Ministero dello sviluppo economico, che attraverso un comitato indipendente di esperti valuterà le performance delle Camere di commercio.
Riduzione del diritto camerale
Il decreto si occupa anche del finanziamento delle attività svolte dalla Camere prevedendo in particolare, una riduzione del diritto annuale a carico delle imprese del 40% per il 2016 e del 50% a decorrere dal 2017 rispetto a quelli vigenti nel …

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it