Diario quotidiano del 3 novembre 2016: i registri immobiliari passano al supporto informatico

1) Conservazione su supporti informatici dei registri immobiliari: provvedimento pubblicato in G.U.

2) Quando l’associazione perde le agevolazioni fiscali

3) Cumulo giuridico anche per le sanzioni sui mancati versamenti

4) La pizzeria rimborsa i danni ai vicini per gli odori non tollerabili

5) Verbali di contestazione impositiva: annualità prescritta

6) Presentazione del modello Unico integrativo o tardivo: dalla Fondazione commercialisti arriva la guida pratica

7) Denuncia penale: regime transitorio sul raddoppio dei termini

8) Welfare: FAQ sulle comunicazioni per Lavoro Accessorio

9) Sostituzioni per maternità e cambio motivazione

10) Reti di impresa: previdenza e discipline sociali chiarite dal CNDCEC

****
1) Conservazione su supporti informatici dei registri immobiliari: provvedimento pubblicato in G.U.
E’ stato pubblicato, sulla Gazzetta Ufficiale n. 255 del 31 ottobre 2016, il provvedimento 20 ottobre 2016 dell’Agenzia delle Entrate.
Dunque, registri immobiliari conservati dall’Agenzia delle Entrate in conformità col nuovo CAD.
I registri immobiliari formati adesso vengono conservati dall’Agenzia delle Entrate solo su supporti informatici in conformità alle regole tecniche di cui all’art. 71 del Codice dell’Amministrazione digitale.
Con successivi provvedimenti le disposizioni potranno essere estese anche ai registri immobiliari formati su supporti informatici in data antecedente.
Registri immobiliari conservati su supporti informatici
I registri immobiliari formati a decorrere dalla data di entrata in vigore del presente provvedimento sono conservati dall’Agenzia delle entrate unicamente su supporti informatici in conformità alle regole tecniche di cui all’art. 71 del decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82 (Codice dell’amministrazione digitale).
Con successivi provvedimenti le citate disposizioni potranno essere estese anche a registri immobiliari formati su supporti informatici in data antecedente.
Il presente provvedimento é entrato in vigore il giorno stesso della sua pubblicazione.
***
Registri di pubblicità immobiliare: Stop all’archiviazione cartacea, al via la conservazione online
Continua la rivoluzione digitale dell’Agenzia. Dopo gli atti di aggiornamento catastale, l’Agenzia delle Entrate conserverà digitalmente anche i documenti di pubblicità immobiliare, quelli cioè che interessano, ad esempio, le trascrizioni e le iscrizioni ipotecarie, le cancellazioni e le altre formalità relative ai beni immobili. La conservazione informatica dei registri, avviata nell’ambito del Sistema di Conservazione dei Documenti digitali (SCD), porterà notevoli vantaggi in termini di trasparenza, efficienza e spending review della macchina amministrativa.
Addio alla carta per i registri di pubblicità immobiliare
Con il provvedimento interdirigenziale del 20 ottobre 2016, emanato dall’Agenzia delle Entrate di concerto con il Ministero della Giustizia e pubblicato il 31 ottobre nella Gazzetta Ufficiale n. 255, è stato stabilito che i registri immobiliari formati a partire dal 31 ottobre siano conservati esclusivamente su supporti informatici.
In particolare, la conservazione sostitutiva riguarda:
– il registro generale d’ordine;
– i registri particolari delle trascrizioni, delle iscrizioni e delle annotazioni;
– il registro delle comunicazioni e le relative comunicazioni di cancellazione.
L’Agenzia è sempre più digitale
L’archiviazione informatica dei documenti di pubblicità immobiliare aggiunge un importante tassello al processo di digitalizzazione che sta interessando le banche dati immobiliari dell’Agenzia. Dallo scorso maggio gli atti di aggiornamento catastale sono conservati digitalmente: ora la conservazione digitale del complesso dei Registri di Pubblicità Immobiliare dà una forte spinta alla modernizzazione dell’intero sistema ipotecario e catastale italiano.
(Agenzia delle entrate, comunicato n. 210 del 2 …

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it