CIG in deroga per gli appalti delle pulizie nelle scuole

Dal diario del 4 novembre 2016
CIG in deroga – Settore Appaltidi pulizie nelle scuole – Verbali di Accordo in Sede Governativa: Sul tema è intervenuto l’INPS con il seguente messaggio.
<<Al fine di affrontare la situazione occupazionale relativa al settore degli appalti di pulizia nelle scuole, sono stati siglati, in sede governativa, il verbale di accordo del 14 giugno 2016, come modificato ed integrato dalla nota prot. n.32/15602 dell’8 agosto 2016 della Direzione Generale della tutela delle condizioni di lavoro e delle relazioni industriali, ed il verbale di accordo del 29 luglio 2016, tra il Ministero del lavoro e delle politiche sociali, le OO.SS. e le Associazioni datoriali del settore, recepiti con Decreto Interministeriale n.1600079 del 17 ottobre 2016, che si allega.
Il citato decreto ha stabilito che l’intervento riguarderà un numero massimo di 13.060 unità lavorative, dipendenti delle 57 aziende del settore in oggetto, come indicate nell’art.1 del decreto ed ivi analiticamente descritte. Ad integrazione di quanto previsto nel dispositivo del provvedimento di concessione, con nota ministeriale è stato previsto che per l’azienda Auriga Soc. Coop. deve essere considerata la matricola Inps n.0917647040, in sostituzione di quella erroneamente indicata nell’art. 1 (0904987869).
Il trattamento di cassa integrazione in deroga, nonché l’intera contribuzione figurativa spettante ai lavoratori del settore in oggetto, come previsto all’art.2 del sopracitato decreto n.1600079, verrà imputato a carico del Fondo Sociale per l’Occupazione e Formazione di cui all’art.18 comma 1, lettera a), del D.L. 29 novembre 2008, n.185, convertito, con modificazioni, dalla Legge 28 gennaio 2009, n.2, nel limite massimo complessivo di euro 42.998.774,23.
Attesa la peculiarità dell’intervento in parola, al fine di garantire l’omogeneità di gestione dei flussi, dei relativi conguagli, nonché delle attività di controllo per l’intervento relativo all’anno in corso e diversamente dalla regola generale, si individuano come sedi competenti alla gestione amministrativa del flusso delle domande quelle sedi che hanno in carico la matricola aziendale e non quelle presso le quali insistono le unità produttive.
ISTRUZIONI OPERATIVE
Le aziende presenteranno telematicamente istanza di pagamento a conguaglio del trattamento di integrazione salariale con le seguenti modalità:

l’azienda compila la domanda utilizzando, come di consueto, la piattaforma dedicata DIGIWEB;

l’azienda deve presentare un’unica domanda per tutti i lavoratori interessati dall’intervento che prestino attività lavorativa presso le unità produttive ubicate nel territorio della medesima regione;

l’azienda, nella compilazione del quadro ”A” della domanda (SR100), relativamente alla sezione riservata all’indicazione dei dati dell’UNITA’ PRODUTTIVA, inserisce la seguente specifica “APPALTI PULIZIE SCUOLE – REGIONE…” seguita dall’indicazione della Regione; si evidenzia, altresì, che come Cap e come Comune dell’unità produttiva devono essere indicati quelli della sede dove l’azienda ha la sua posizione contributiva, che sarà anche quella dove saranno effettuate le operazioni di conguaglio.

Queste informazioni consentiranno l’inoltro automatico delle domande alle sedi competenti alla gestione di tale procedimento;

nella compilazione del quadro “B” deve essere indicata come data del decreto la data “17/10/2016”, come numero di decreto il numero “1600079”, e deve essere valorizzata la casella “CIG deroga nazionale”;

nel quadro “C” deve essere indicato come periodo di intervento il periodo “16/6/2016 – 15/9/2016”. Si precisa, altresì, che sulla base delle disposizioni indicate nelle premesse del Decreto Interministeriale, le società L’Operosa Soc. Coop a r.l., Papalini S.p.a e Pellegrini S.p.a. dovranno indicare come periodo d’intervento il…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it