Scadenza di trasmissione dei dati sanitari a gennaio 2017?

Il termine massimo per l’invio dei dati sanitari del 2016 potrebbe essere il 31 gennaio 2017. Lo precisa una nota pubblicata dall’UNGDC modenese sul proprio sito istituzionale, analizzando il dettato normativo e la prassi.

Il Decreto Ministeriale 31 luglio 2015 prevede che la trasmissione dei dati di spesa/rimborso sanitari devono essere effettuati secondo quanto previsto dal calendario pubblicato sul sito del Sistema TS (www.sistemats.it. ) e che in ogni caso, la trasmissione dei predetti dati deve essere effettuata entro e non oltre il mese di gennaio dell’anno successivo a quello della spesa effettuata dall’assistito, comprensivi i dati delle eventuali cancellazioni e/o variazioni e rimborsi. La scadenza per l’invio dei dati 2016 è pertanto il 31 gennaio 2017.

Esistono opinioni diverse: sul sito della Federazione italiana dei medici pediatri è stata pubblicata una guida che a proposito della scadenza dice che mentre le fatture emesse nel 2015, devono essere trasmesse entro il 31 gennaio, per le fatture emesse nel 2016 si possono seguire due modalità:

– al momento dell’emissione per ogni singola fattura

– oppure con file cumulativo:

Entro il 31 luglio 2016 per il primo semestre 2016; entro il 31 gennaio 2017 per il secondo semestre 2016.

Sanzioni

Le sanzioni previste per la violazione degli obblighi di comunicazione al sistema tessera sanitaria (l’art. 23 del D.Lgs. n. 158/2015) sono:

– in caso di omessa, tardiva o errata trasmissione dei dati si applica la sanzione di euro 100 per ogni comunicazione, con un massimo di euro 50.000;

– nei casi di errata comunicazione dei dati la sanzione non si applica se la trasmissione dei dati corretti è effettuata entro i cinque giorni successivi alla scadenza, ovvero, in caso di segnalazione da parte dell’agenzia delle entrate, entro i cinque successivi alla segnalazione stessa.

Se la comunicazione è correttamente trasmessa entro sessanta giorni dalla scadenza prevista, la sanzione è ridotta a un terzo con un massimo di euro 20.000.

26 luglio 2016

Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it