La deduzione delle perdite su crediti

Questo articolo fa parte del diario del 29 luglio 2016

Argomento principe di ieri (27 luglio 2016) sul gruppo facebook del Commercialista Telematico: come si possono dedurre le perdite su crediti.

Proviamo a fornire (senza alcuna presunzione di esaustività) un breve schema sintetico della relativa disciplina, come, peraltro, ripromesso in risposta all’ultimo intervento del sottoscritto sul post

 

A seguito della revisione operata dal D.Lgs. n. 147/2015, in atto l’art. 101 comma 5 del Tuir ricomprende due tipologie di perdite su crediti. La prima riguarda quelle relative a procedure concorsuali (fallimento, concordato preventivo e fallimentare, amministrazione straordinaria e liquidazione coatta amministrativa) e assimilate (accordi di ristrutturazione dei debiti) che si caratterizzano per l’immediata deducibilità, senza dovere fornire alcuna prova ulteriore. La …

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in alto a destra. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it