Approvato il codice delle sanzioni per i commercialisti che non fanno la formazione obbligatoria - Diario quotidiano del 27 luglio 2016

 

Indice:

1) Sono in consultazione le bozze dell’OIC 10 (Rendiconto finanziario) e dell’OIC 18 (Ratei e risconti)

diario-quotidiano-articoli-122) Giovani coppie e prima casa: niente imposte sui mutui ipotecari concessi dalle banche

3) Bolletta luce errata: il canone Rai non si paga, non serve chiedere il rimborso

4) Nuova procedura di costituzione di start up innovativa in forma di Srl

5) Commercio elettronico: per il regime speciale Iva è ora competente il Centro operativo di Pescara

6) Fatca: pronte le istruzioni per la correzione degli errori

7) Disponibili online le statistiche catastali del patrimonio immobiliare italiano nel 2015

8) Civis: sono attive nuove funzioni di visualizzazioni

9) Le sanzioni amministrative Inps si pagano nel Modello F24

10) Modifica calcolo ISEE per famiglie con disabili

11) CNDCEC: approvato in via definitiva il codice sanzioni per i commercialisti iscritti che non fanno la formazione obbligatoria

12) Audizione del direttore delle Entrate sulla disciplina delle piattaforme digitali

 

 

1) Sono in consultazione le bozze dell’OIC 10 (Rendiconto finanziario) e dell’OIC 18 (Ratei e risconti)

Pubblicate in consultazione le bozze dell’OIC 10 Rendiconto finanziario e dell’OIC 18 Ratei e risconti. —> Leggi tutto

 

*****

 

2) Giovani coppie e prima casa: niente imposte sui mutui ipotecari concessi dalle banche

Secondo il parere dell’Agenzia delle Entrate, contenuto nella risoluzione n. 61/E del 25 luglio 2016, non sono dovute registro, bollo ed altre imposte indirette per i mutui ipotecari concessi dalle banche, per l’acquisto dell’abitazione principale e per i lavori di ristrutturazione, alle giovani coppie e alle famiglie numerose o con disabili.

A tal fine, l’Agenzia precisa che il regime fiscale di favore previsto dall’art. 5, comma 24, del Dl 269/2003, relativo ai contratti di finanziamento stipulati tra la Cassa depositi e prestiti e le banche intermediarie, è applicabile anche ai mutui conclusi tra queste ultime e i beneficiari finali del prestito.

L’agevolazione

Il Dl 269/2003 prevede una particolare procedura di erogazione di finanziamenti alle banche da parte della Cassa depositi e prestiti, volta a favorire l’accesso al credito, per l’acquisto della prima casa o per interventi di ristrutturazione, da parte di categorie di soggetti meritevoli di tutela, quali le giovani coppie, le famiglie numerose o i nuclei familiari con disabili. Per questa tipologia di finanziamenti viene prevista l’esenzione dalle imposte di registro e di bollo e da ogni altra imposta indiretta.

Chiarimenti sul regime di esenzione

Secondo le Entrate, il regime di esenzione si applica in relazione al complessivo rapporto di finanziamento e, dunque, sia con riferimento al finanziamento principale intercorrente tra la Cassa depositi e prestiti e la banca intermediaria, che con riferimento alla successiva erogazione delle somme ai mutuatari. La banca svolge, infatti, una funzione strumentale volta a consentire che la provvista messa a disposizione dalla Cassa depositi e prestiti per l’accesso al credito da parte dei soggetti meritevoli individuati dalla norma venga effettivamente destinata a tale finalità.

 

******

 

3) Bolletta luce errata: il canone Rai non si paga, non serve chiedere il rimborso

Nel caso di riscontro di errori di fatto, può non essere pagato il canone Rai in bolletta se, dunque, si ritiene che l’addebito fatto non sia corretto. Questo il post con cui l’Agenzia delle entrate ha dato, il 25 luglio 2016, il buongiorno ai contribuenti italiani, scrivendo sulla sua pagina Facebook di pagare solo la quota dell’energia nel caso in cui l’addebito in bolletta del canone tv sia sbagliato nonostante (caso più frequente) si sia presentata l’autodichiarazione di non detenzione dell’apparecchio televisivo entro il 16 maggio 2016. Il contribuente, quindi, dovrà stracciare il bollettino che…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it