Diario quotidiano del 18 luglio 2016: scade oggi il termine per versare le imposte di Unico 2016 e Irap 2016 in assenza di studi di settore

 

domanda-ctIndice:

1) Revisione legale dei conti annuali e consolidati: attuata la direttiva europea

2) Distacco lavoratori nell’Unione Europea: attuata la direttiva europea

3) Pubblica amministrazione: riordino delle partecipate

4) L’acquisto di beni con finanziamento non blocca l’accertamento sulla base del redditometro

5) In scadenza il termine per versare le imposte derivanti dai Modelli Unico 2016 e Irap 2016

6) Il possesso della carta di credito italiana non prova la residenza fiscale del contribuente in Italia

7) Accertamento fiscale: Il PVC va sempre bene

8) Gli ammortizzatori sociali in costanza di rapporto di lavoro: appendice di aggiornamento

9) Procedure Concorsuali: l’(in)falcidiabilità del credito IVA

10) Comunicazione in arrivo ai soggetti destinatari di un PVC contenente rilievi fiscali

11) Cooperazione amministrativa per i controlli fiscali

12) Trattamento fiscale per i compensi incassati dagli eredi del professionista

 

1) Revisione legale dei conti annuali e consolidati: attuata la direttiva europea

Il Consiglio dei ministri, il 14 luglio 2016, ha approvato, in esame definitivo, un decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/56/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 aprile 2014, che modifica la direttiva 2006/43/CE relativa alle revisioni legali dei conti annuali e dei conti consolidati.

Il decreto legislativo è stato riformulato in alcune disposizioni tenendo conto del parere delle commissioni parlamentari. Gli aspetti essenziali sono rimasti invariati. —> Leggi tutto

 

******

 

2) Distacco lavoratori nell’Unione Europea: attuata la direttiva europea

Attuata la direttiva europea relativa al distacco dei lavoratori nell’ambito di una prestazione di servizi.

Il Consiglio dei ministri, su proposta del Ministro del lavoro, il 14 luglio 2016, ha approvato, in esame definitivo, un decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/67/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 15 maggio 2014, concernente l’applicazione della direttiva 96/71/CE che disciplina il distacco transfrontaliero (ovvero meccanismo in base al quale le imprese presenti nel territorio di uno stato membro prestano servizi tramite i propri lavoratori nel territorio di un altro stato membro) e modifica il regolamento (Ue) n. 1024/2012 relativo alla cooperazione amministrativa attraverso il sistema di informazione del mercato interno (regolamento IMI).

Obiettivi fondamentali della normativa sono:

– contrastare il fenomeno del distacco abusivo, attraverso cui si realizzano la violazione dei diritti fondamentali dei lavoratori e pratiche di concorrenza sleale;

– agevolare la cooperazione tra gli Stati membri nell’accertamento dell’autenticità dei distacchi e nel perseguimento e nella repressione dei distacchi abusivi.

 

******

 

3) Pubblica amministrazione: riordino delle partecipate

Stabilite le norme di riordino della disciplina delle partecipazioni societarie delle amministrazioni pubbliche.

In data 14 luglio 2016, il Consiglio dei ministri, su proposta del Ministro per la semplificazione e la pubblica amministrazione Maria Anna Madìa, ha approvato, in secondo esame preliminare, il decreto legislativo del testo unico in materia di società a partecipazione pubblica.

Nello specifico il testo unico, che si applica alle società di capitali (S.p.a. o S.r.l.), prevede la drastica riduzione delle società partecipate, con particolare riferimento alle scatole vuote, alle società inattive, alle micro e a quelle che non producono servizi indispensabili alla collettività. Sono introdotti interventi di moralizzazione sui compensi degli amministratori. Per il futuro sono individuati i criteri chiari sulla base dei quali sarà possibile costituire e gestire le società partecipate.

Sono stati recepiti gran parte dei suggerimenti avanzati dalla Conferenza unificata, dal Consiglio di Stato e dalle…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it