La caparra per la compravendita non andata a buon fine è soggetta ad IRPEF?


La caparra convenuta nel preliminare di compravendita è assoggettabile ad IRPEF nel momento in cui la prestazione principale, rimasta ineseguita, costituisce reddito ai sensi dell’art. 67, comma 1, del Tuir Lo ha stabilito la Corte di Cassazione, con la sentenza 11307 del 31 maggio 2016.

 

Contenuto disponibile solo per utenti abbonati

Per continuare a leggere il contenuto di questa pagina è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione in alto a destra. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?


Partecipa alla discussione sul forum.