Enti non commerciali: riforma pubblicata nella Gazzetta Ufficiale

E’ ora, ufficiale, l’inizio della riforma degli enti non commerciali. Questo grazie all’avvenuta pubblicazione, nella Gazzetta Ufficiale n. 141 del 18 giugno 2016, della Legge delega n. 106 del 6 giugno 2016.

E’, dunque, ufficiale la legge delega per la Riforma del Terzo settore. Il legislatore ha previsto un complesso sistema di interventi in ordine alla revisione e al riordino delle misure di carattere economico, finanziario e fiscale che dovranno consentire alle imprese del “non profit” di svolgere il ruolo di elemento propulsore per il rilancio degli investimenti e dell’occupazione. Spetta ora al Governo l’emanazione dei decreti legislativi che consentano il riordino e l’armonizzazione della disciplina tributaria di imprese sociali, associazioni di volontariato, fondazioni, consorzi, cooperative sociali e Onlus.

Il legislatore ha operato secondo finalità volte a promuovere gli investimenti ad impatto sociale e occupazionale, ampliare gli strumenti finanziari per l’accesso al mercato dei capitali, riordinare il sistema della fiscalità di vantaggio, determinare le modalità di rendicontazione, verifica, controllo e informazione ispirate alla trasparenza e alle modalità di tutela dei lavoratori e della loro partecipazione ai processi decisionali e migliorare la disciplina finalizzata alla conservazione del patrimonio.

Sulla base di queste prescrizioni il Governo dovrà emanare, entro 12 mesi, gli opportuni decreti legislativi.

Per il complesso e variegato mondo delle imprese “non profit” sono state dunque poste le basi per un sistema di misure economiche, fiscali e finanziarie volte ad attribuire al Terzo settore un ruolo di spinta dell’economia nazionale.

Finalità

L’obiettivo di fondo della legge delega è il sostegno all’autonoma iniziativa dei cittadini che concorrono, anche in forma associata, a perseguire il bene comune, ad elevare i livelli di cittadinanza attiva, di coesione e protezione sociale, favorendo la partecipazione, l’inclusione e il pieno sviluppo della persona; a valorizzare il potenziale di crescita e di occupazione lavorativa.

Definizione di Terzo settore

Il Terzo settore è “il complesso degli enti privati costituiti per il perseguimento, senza scopo di lucro, di finalità civiche, solidaristiche e di utilità sociale e che, in attuazione del principio di sussidiarietà e in coerenza con i rispettivi statuti o atti costitutivi, promuovono e realizzano attività di interesse generale mediante forme di azione volontaria e gratuita o di mutualità o di produzione e scambio di beni e servizi”.

Per essere riconosciuti come enti del Terzo settore, quindi, non basta svolgere attività senza fine di lucro, ma si devono possedere finalità civiche, solidaristiche e di utilità sociale.

Esclusioni

Non fanno parte del Terzo settore le formazioni, le associazioni politiche, i sindacati, le associazioni professionali di categoria economica. Sono escluse dall’applicazione della legge, anche se perseguono la finalità degli altri enti del Terzo settore, le fondazioni bancarie.

Riforma della disciplina dell’impresa sociale

La legge qualifica l’impresa sociale come una organizzazione privata che svolge attività d’impresa per le finalità proprie del Terzo settore.

Ai fini della qualificazione di impresa sociale, gli utili derivanti dall’attività dell’impresa sociale devono essere destinati prioritariamente al conseguimento dell’oggetto sociale e devono rispettare i limiti massimi previsti per le cooperative a mutualità prevalente.

Inoltre, l’impresa deve adottare modalità di gestione responsabili e trasparenti e deve favorire il più ampio coinvolgimento dei dipendenti, degli utenti e di tutti i soggetti interessati alle sue attività.

Le cooperative sociali e dei loro consorzi avranno il diritto di acquisire la qualifica di impresa sociale.

Nello specifico, i decreti attuativi della delega dovranno:

-…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it