Diario quotidiano del 9 giugno 2016: alcuni motivi per cui è necessario prorogare le scadenze di Unico

 

Indice:

1) E’ caos nelle scadenze fiscali 2016: occorre proroga

2) Ritrovamento di contabilità “in nero”: scatta subito il sequestro

3) Accertamento fiscale prima dei 60 giorni valido?

4) Gazzetta Ufficiale: ok alla franchigia Iva per i servizi accessori

5) Agricoltura: in G.U. anche il decreto con le retribuzioni medie giornaliere

6) In arrivo il codice fiscale europeo “unico”

7) Canone Rai in bolletta: oltre 800 mila chiedono l’esenzione, audizione parlamentare del direttore delle Entrate

8) Mobile: dall’Inps online tre nuovi servizi

9) Incentivi per l’assunzione dei lavoratori in mobilità: chiarimenti sullo sgravio

10) Gestioni artigiani/commercianti e Gestione Separata INPS: guida alla compilazione del quadro “RR” del Modello Unico 2016 e al versamento dei contributi dovuti

 

 

1) E’ caos nelle scadenze fiscali 2016: occorre proroga

I commercialisti sono allo stremo. Proprio a corto d’ossigeno a causa delle tante scadenze fiscali. Non c’è la fanno più. Per questo occorre una proroga ed una revisione a regime del calendario fiscale per i vari periodi d’imposta. Questo anche in attesa di un provvedimento di semplificazione che magari cominci a togliere tutte quelle scadenze create (e duplicate) in questi ultimi anni dai vari legislatori che sono succeduti ai vari governi, che per ragioni di cassa (ed altra varie problematiche più o meno giuste) hanno duplicato (o triplicato) gli adempimenti fiscali nel nostro paese.

Con il comunicato stampa, datato 6 giugno 2016, l’Anc fa sapere di avere scritto al ministro padoan: in pieno caos scadenze, la proroga per unico è necessaria. Il Presidente dell’Associazione Nazionale Commercialisti ha inviato una lettera aperta al Ministro delle Finanze, Pier Carlo Padoan, dove si evidenzia il grave disagio che i 110 mila commercialisti in Italia stanno vivendo in questo momento.

Oltre alla pioggia di avvisi ai contribuenti per anomalie sugli studi di settore 2012-2014, operazione, questa, che denota un tempismo “diabolico”, in pieno periodo dichiarativo, l’ANC evidenza che il “posticipo della scadenza dell’invio del modello 730 al 22 luglio….si va a sommare al termine del versamento del 16 luglio, previsto per il modello Unico, a quello del 31 luglio del modello 770 e al carico di lavoro derivante dalle novità relative al calcolo delle imposte IMU e TASI”.

Inoltre, prosegue Cuchel “a questo si aggiunge il ritardo con il quale il software Gerico verrà rilasciato nella sua versione definitiva, posto che siamo già al secondo aggiornamento e nulla ci esime dal prevedere che, come ogni anno, altri ne arriveranno, lasciando nel frattempo nell’incertezza professionisti e contribuenti”.

Poiché all’orizzonte non vi è traccia di una riprogrammazione del calendario fiscale all’insegna della razionalità, l’ANC chiede al Ministro “di prendere atto dell’assoluta necessità di prevedere il medesimo spostamento temporale degli ultimi anni delle scadenze del 16 giugno e 16 luglio, fissate per i versamenti relativi al modello Unico” e di comunicare l’eventuale decisione “in tempi congrui e utili all’organizzazione del lavoro”.

 

******

 

2) Ritrovamento di contabilità “in nero”: scatta subito il sequestro

Dichiarazione infedele: Per il ritrovamento di contabilità “in nero” scatta subito il sequestro sui beni disposto dal Gip. Anche se poi può non scattare la condanna del reo.

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 23368 del 7 giugno 2016, ha, così, respinto il ricorso di un imprenditore.

Più facile il sequestro preventivo nell’ambito delle inchieste per dichiarazione infedele. La misura può infatti scattare sulla base della contabilità in nero, a maggior ragione se poi dalle indagini emergono riscontri sui conti correnti bancari.

Ma i documenti non ufficiali non possono portare alla condanna. …

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it