Dogane: le recenti misure in materia di depenalizzazione non comprendono il ramo tributario

Pubblicato il 10 maggio 2016



Disposizioni in materia di depenalizzazione: nota delle Dogane sulle accise

Disposizioni in materia di depenalizzazione: nota delle Dogane sulle accise. Il 6 febbraio 2016 è entrato in vigore il decreto legislativo 15 gennaio 2016, n. 8, che ha dato attuazione alla delega conferita al Governo ai sensi dell’art. 2, comma 1, della legge n. 67 del 2014, “per la riforma della disciplina sanzionatoria dei reati e per la contestuale introduzione di sanzioni amministrative.

Dalla depenalizzazione definita “cieca”, la lettera a) del comma 2 dell’art. 2 esclude una lunga serie di materie, tra le quali non è inclusa quella tributaria, con la conseguenza che anche per i reati tributari puniti con la sola pena della multa o dell’ammenda essa trova applicazione.

Lo precisa l’Agenzia delle Dogane, con la nota n. 51746/RU /2016 pubblicata il 9 maggio 2016.

per le violazioni in materia di accise appena descritte, il procedimento di irrogazione delle sanzioni sarà regolato secondo le disposizioni contenute nel decreto legislativo n. 472 del 1997.

L’art. 8 di tale decreto prende in considerazione gli effetti della depenalizzazione con riguardo alle violazioni commesse anteriormente all’entrata in vigore del provvedimento stesso, disciplinando in maniera distinta i casi non ancora definiti nell’ambito del relativo procedimento penale (comma 1) dai casi definiti con sentenza o decreto divenuti irrevocabili (comma 2).

In relazione ai procedimenti penali non ancora definiti per le violazioni commesse anteriormente all’entrata in vigore del decreto legislativo n. 8/2016, l’art. 9, rubricato “Trasmissione degli atti all’autorità amministrativa”, ai commi da 1 a 4, disciplina i tempi e le modalità della trasmissione degli atti dall’autorità giudiziaria a quella amministrativa, differenziandoli a seconda dello stato e grado del giudizio penale.

Inoltre, il comma 5 del medesimo art. 9, detta disposizioni per la definizione agevolata da applicarsi specificatamente ed esclusivamente alle sole ipotesi disciplinate dal medesimo art. 9, vale a dire ai reati commessi anteriormente alla data di entrata in vigore del decreto legislativo n. 8 per i quali il procedimento penale non sia stato definito, trasformati, per effetto della depenalizzazione, in illeciti amministrativi. In base al predetto comma è consentito all’interessato di estinguere il procedimento attraverso il pagamento, entro 60 giorni dalla notificazione degli estremi della violazione, in misura ridotta pari alla metà della sanzione oltre alle spese del procedimento.

Per tutte le ipotesi di violazioni depenalizzate contestate successivamente all’entrata in vigore del decreto legislativo n. 8 del 2016, troverà applicazione la definizione agevolata ex artt. 16 e 17 del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472.

Per quanto riguarda il settore delle accise, le disposizioni interessate dalla depenalizzazione sono gli articoli 40 comma 5, 43, comma 4, e 47, comma 1 secondo periodo, del decreto legislativo 26 ottobre 1995, n. 504 (testo unico accise), che disciplinano espressamente talune fattispecie punite con la sola multa.

In particolare, per quel che concerne l’articolo 40, comma 5, è opportuno mettere in evidenza che la predetta disposizione si configura come fattispecie autonoma rispetto alla previsione dell’art. 40, comma 1, lett. b). Quest’ultima detta la disciplina sanzionatoria per la sottrazione all’accertamento o al pagamento dell’accisa per l’intera categoria dei prodotti energetici, laddove, invece, il comma 5 si limita a prendere in considerazione esclusivamente il gas naturale, per sanzionare la sottrazione all’accertamento o al pagamento dell’accisa nel limite quantitativo ivi indicato.

Qualora si fosse portati a ritenere tale ultima disposizione quale ipotesi di natura attenuata rispetto a quella di base di cui al comma 1 dell’art. 40, ed in conseguenza non riconducibile alla depenalizzazione in forza di una lettura testuale della previsione dell’art. 1, comma 2, del decreto legislativo n. 8, si richiamano i passaggi della relazione illustrativa al provvedimento stesso.

In particolare, con riguardo all’art. 1, viene fatto risaltare che “nell’intento di attribuire il massimo ambito applicativo alla clausola generale [di depenalizzazione], la si è riferita anche ai reati puniti nelle ipotesi base con la sola pena pecuniaria, ma la cui ipotesi aggravata è sanzionata con la pena detentiva sola, alternativa o congiunta a quella pecuniaria”.

E’ del tutto evidente, quindi, che la situazione inversa è già ricompresa nella clausola generale di depenalizzazione perché ove così non fosse il legislatore si sarebbe già fatto carico di disciplinarla.

Per quanto riguarda l’art. 43, comma 4, è stato da alcuni interpretato che osterebbe alla depenalizzazione della sanzione ivi prevista la circostanza che alcune prescrizioni relative alle bevande alcoliche sono disciplinate nel Titolo III del Capo II del Regio Decreto n. 773 del 1931, il quale, per espressa previsione del legislatore, è escluso dall’ambito applicativo della depenalizzazione, essendo il suddetto provvedimento inserito nell’elenco allegato al decreto legislativo n. 8 del 2016.

Al riguardo, è necessario osservare che le disposizioni contenute nel citato Regio Decreto n. 773 del 1931 contengono prescrizioni inerenti il settore dell’ordine pubblico, della pubblica sicurezza e incolumità, la cui violazione non può comportare l’applicazione della disciplina di cui al menzionato art. 43, comma 4, che sanziona la inosservanza di prescrizioni di natura tributaria.

Pertanto, sulla base di tali considerazioni, quest’ultima disposizione non può ritenersi esclusa dall’ambito applicativo della depenalizzazione.

Da quanto sin qui rappresentato ne consegue che, dalla data di entrata in vigore del decreto n. 8 del 2016, le condotte descritte dalle richiamate disposizioni del testo unico accise sono punite esclusivamente con la sanzione amministrativa pecuniaria.

In ordine alla misura della sanzione, questa deve essere determinata sulla base dei criteri contenuti nei commi 5 e 6 dell’art. 1 del decreto legislativo n. 8 del 2016.

In particolare, per quel che concerne la fattispecie prevista dall’art. 40, comma 5, del testo unico accise, che puniva la sottrazione all’accertamento o al pagamento dell’accisa sul gas naturale per quantitativi inferiori a 5000 mc. con la multa dal doppio al decuplo dell’imposta evasa, non inferiore in ogni caso a 516 euro, trova applicazione il menzionato comma 6 il quale dispone che, a fronte di una “pena pecuniaria proporzionale”, prevista per la fattispecie depenalizzata, la somma dovuta a titolo di sanzione amministrativa sia pari all’ammontare della multa o dell’ammenda, ma, in ogni caso, non inferiore ad euro 5.000 né superiore a euro 50.000.

Analogamente occorre procedere per la determinazione della sanzione in relazione alla fattispecie contemplata dall’art. 43, comma 4, del testo unico accise, che puniva la detenzione di alcole e di prodotti alcolici in condizioni diverse da quelle prescritte, con la pena della multa dal doppio al decuplo dell’imposta evasa.

Per quanto riguarda, invece, la fattispecie prevista dall’art. 47, comma 1, secondo periodo, del testo unico accise, che prevedeva la sanzione della multa fino a 2582 euro, nelle ipotesi di deficienze di prodotti denaturati eccedenti l’1% oltre il calo consentito, la sanzione amministrativa pecuniaria deve essere determinata, sulla base di quanto disposto dal comma 5, lett. a), dell’art. 1 del decreto legislativo in questione, in una somma di denaro da euro 5.000 ad euro 10.000.

In relazione al procedimento da seguire per l’applicazione delle sanzioni amministrative pecuniarie, occorre fare riferimento all’art. 6 del decreto legislativo in esame che prevede l’osservanza delle disposizioni previste dalle sezioni I e II del capo I della legge 24 novembre 1981, n. 689, in quanto applicabili.

Ne deriva, evidentemente, che per l’applicazione delle predette sanzioni riferite alle menzionate violazioni tributarie in materia di accise, oggetto di depenalizzazione, si dovrà seguire la disciplina prevista dal decreto legislativo n. 472 del 1997.

Ciò risulta suffragato dalla circostanza che quest’ultimo provvedimento costituisce, per le violazioni tributarie, normativa speciale, rispetto a quella generale recata dalla legge n. 689 del 1981 in materia di sanzioni amministrative ed in tal senso l’art. 29, comma 2, del d.lgs. n. 472/1997 abrogava ogni altra disposizione in materia di sanzioni amministrative tributarie, incluse quelle relative alla determinazione ed irrogazione delle predette sanzioni, non compatibile con il provvedimento stesso.

Conseguentemente l’art. 6 del decreto legislativo n. 8/2016, in linea con tale principio, rimanda alle disposizioni previste dalla legge n. 689 del 1981, nei limiti della loro applicabilità, da cui esulano, per quanto già evidenziato, le violazioni tributarie depenalizzate.

Ad ulteriore conforto, giova rammentare che il decreto legislativo 30 dicembre 1999, n. 507, concernente, per quanto di interesse, la depenalizzazione di alcune fattispecie di reati di contrabbando doganale previsti dal T.U.L.D., conteneva all’art. 102, comma 7, analoga previsione che stabiliva l’applicabilità delle disposizioni di cui alle sezioni I e II del capo I della legge n. 689 del 1981 in quanto compatibili, e, in conseguenza, l’allora Dipartimento delle dogane e delle II.II. chiarì, con apposite istruzioni, che per i reati depenalizzati la procedura amministrativa da seguire fosse quella prevista dal decreto legislativo n. 472 del 1997.

In conclusione, per le violazioni in materia di accise appena descritte, il procedimento di irrogazione delle sanzioni sarà regolato secondo le disposizioni contenute nel decreto legislativo n. 472 del 1997.