Diario quotidiano del 9 maggio 2016: il contribuente sempre responsabile dell'omessa presentazione della dichiarazione

 

 

diario-quotidiano-articoli-7Indice:

1) Modello F24: istituite altre due causali contributo per l’Inps

2) Indennità di disoccupazione per tutti

3) Fondo di solidarietà residuale: ecco come viene pagato l’assegno ordinario

4) Sabatini ter: dal Mise chiarimenti sul momento di presentazione della domanda

5) Omessa presentazione della dichiarazione dei redditi: contribuente sempre responsabile

6) L’amministratore societario, iscritto all’albo professionale, non deve versare contributi previdenziali

7) Dichiarazioni reddituali (Campagna Red – redditi 2015): nuovo servizio online semplificato

8) Disposizioni concernenti l’attribuzione della competenza alla gestione delle istanze di accesso alla procedura di accordo preventivo connessa all’utilizzo di beni immateriali

9) Dal Bonus Irpef alle spese di frequenza scolastica: circolare con le risposte a Caf e operatori su oneri e detrazioni

10) Corresponsione di voucher per l’acquisto di servizi di baby-sitting: Procedura telematica

 

 

Modello_F241) Modello F24: istituite altre due causali contributo per l’Inps

Modello F24: istituite altre due causali contributo per i versamenti all’Inps. Consentono all’ente previdenziale di riscuotere, tramite modello F24, i contributi per i lavoratori collocati in aspettativa per cariche sindacali e per cariche pubbliche elettive. Ampliata la platea delle causali contributo con “CPEO”, per i contributi a favore dei lavoratori dipendenti in aspettativa per cariche pubbliche elettive, e “ASOO”, per la contribuzione aggiuntiva sindacalisti. L’istituzione è avvenuta con due distinte risoluzioni dell’Agenzia delle entrate, la n. 36/E e la n. 37/E, del 5 maggio 2016.

La contribuzione aggiuntiva sindacalisti è disciplinata dall’articolo 5 del Dlgs 564/1996: “A decorrere dal mese successivo alla data di entrata in vigore del presente decreto può essere versata, facoltativamente, una contribuzione aggiuntiva sull’eventuale differenza tra le somme corrisposte per lo svolgimento dell’attività sindacale ai lavoratori collocati in aspettativa ai sensi dell’art. 31 della citata legge n. 300 del 1970 e la retribuzione di riferimento per il calcolo del contributo figurativo di cui all’art. 8, ottavo comma, della citata legge n. 155 del 1981…”. I contributi per cariche pubbliche elettive, invece, sono previsti dall’articolo 38 della legge 488/1999: “I lavoratori dipendenti dei settori pubblico e privato, eletti membri del Parlamento nazionale, del Parlamento europeo o di assemblea regionale ovvero nominati a ricoprire funzioni pubbliche, che in ragione dell’elezione o della nomina maturino il diritto ad un vitalizio o ad un incremento della pensione loro spettante, sono tenuti a corrispondere l’equivalente dei contributi pensionistici, nella misura prevista dalla legislazione vigente, per la quota a carico del lavoratore, relativamente al periodo di aspettativa non retribuita loro concessa per lo svolgimento del mandato elettivo o della funzione pubblica…”. Le causali devono essere esposte nella sezione “Inps” dell’F24, in corrispondenza della colonna “importi a debito versati”.

******

 

2) Indennità di disoccupazione per tutti

L’indennità di disoccupazione non si nega a nessuno. Ne possono fruire, infatti, anche i collaboratori delle pubbliche amministrazioni, esclusi l’anno scorso, e bastano due requisiti: la disoccupazione e tre mesi di contributi. Lo ha precisato l’Inps con la circolare n. 74 del 5 maggio 2016.

Dunque, l’Inps ha esteso l’indennità ai co.co.co. di p.a., riferendosi a «tutti» gli iscritti alla gestione separata e non solo a quelli del settore privato. A chi abbia una partita Iva silente, cioè non produttrice di reddito, inoltre, l’Inps suggerisce di chiuderla prima di fare istanza di Dis-Coll: la sua presenza bloccherebbe la concessione. Il termine per fare domanda è di 68 giorni dalla fine della collaborazione. Per le…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it