Niente pena detentiva per l’omissione contributiva oltre soglia

La Cassazione si pronuncia sul reato a seguito del mancato versamento contributivo. Niente pena per l’imprenditore.

Niente pena detentiva per l’omissione contributiva oltre soglia

E’ sufficiente pagare per evitare di scontare la pena in carcere. Questo a seguito di quanto statuito dalla Corte di Cassazione, con la sentenza n. 17103 del 26 aprile 2016, ha accolto il ricorso del rappresentante legale di una società condannato a un mese di reclusione per l’omesso versamento di ritenute e contributi pari a 14 mila euro.

Secondo, la Suprema Corte, la pena detentiva breve per l’omesso versamento dei contributi che supera 10 mila euro, reato non depenalizzato, può essere sostituita con quella pecuniaria. Non vi é automatismo tra l’illecito e l’insolvenza dell’imprenditore.

La Corte ha precisato che il beneficio può essere concesso nonostante l’evasione superiore ai 10 mila euro non sia stata depenalizzata. Questo, la sostituzione delle pene detentive brevi viene rimessa alla valutazione discrezionale del giudice, che deve essere condotta in osservanza dei criteri di cui all’art. 133 c.p..

Vincenzo D’Andò

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it