Diario quotidiano del 24 marzo 2016: tante nuove sentenze sulle cartelle esattoriali

 

agenda-immagineIndice:

 

1) E’ il contribuente che deve dimostrare che nella raccomandata AR non via sia la cartella di pagamento

2) La nullità della cartella di pagamento è legata all’omessa attivazione del contraddittorio

3) E’ nullo il mandato al difensore se manca l’indicazione del legale rappresentante della società

4) Cedibile il credito sul bonus per la riqualificazione energetica

5) Delibere sospese se prevedono l’aumento dei tributi

 6) Certificazione Unica 2016 (CU): modalità e canali di rilascio

7) Per il ricorso deposito telematico dal 1.7.2016

8) Orario di lavoro dei minori

9) Patent box: provvedimento delle Entrate assegna più tempo per la presentazione della documentazione

10) Agevolazione sul gasolio consumato da esercenti trasporto merci conto terzi

 

 

1) E’ il contribuente che deve dimostrare che nella raccomandata AR non via sia la cartella di pagamento

Se Equitalia ha inviato la cartella per raccomandata con ricevuta di ritorno (AR) è poi il destinatario che deve provare che la busta era vuota. Spetta, dunque, al contribuente dimostrare che il plico postale non conteneva la cartella

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 5397 del 18 marzo 2016, si sofferma sulla problematica. Peraltro, ai sensi dell’art. 26 del DPR 602/73, la cartella di pagamento può anche essere notificata mediante raccomandata con avviso di ricevimento.

Si consolida, quindi, la giurisprudenza che ritiene legittima la notifica “diretta” della cartella per posta senza l’ausilio di un agente notificatore.

Per i giudici, ai fini probatori, l’Agente della riscossione deve produrre l’avviso di ricevimento, posto che, ai fini della notifica, è sufficiente che il plico sia consegnato al contribuente o ad altra persona legittimata alla ricezione, senza ulteriori adempimenti.

Pertanto, “non si ritiene invece necessario che l’agente della riscossione dia la prova anche del contenuto del plico spedito con lettera raccomandata, dal momento che l’atto pervenuto all’indirizzo del destinatario deve ritenersi ritualmente consegnato a quest’ultimo in forza della presunzione di conoscenza di cui all’art. 1335 cod. civ., superabile solo se lo stesso destinatario dia prova di essersi incolpevolmente trovato nell’impossibilità di prenderne cognizione”. Quindi, spetta al destinatario e non al mittente “l’onere di provare eventualmente che il plico non conteneva l’atto”.

 

******

 

2) La nullità della cartella di pagamento è legata all’omessa attivazione del contraddittorio

Se è mancata la fase del contraddittorio, allora la cartella esattoriale è nulla.

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 5394 del 18 marzo 2016, ha stabilito che la cartella è nulla quando, in presenza di incertezze sulla corretta liquidazione del tributo, l’ufficio non ha attivato il contraddittorio preventivo con l’invio della comunicazione bonaria. Protagonista del caso una società che impugnava una cartella di pagamento derivante dalla liquidazione automatizzata della dichiarazione, lamentando appunto l’omessa notifica dell’avvio bonario contenente l’esito del controllo. Entrambi i giudici di merito respingevano il ricorso. La società ricorreva per Cassazione. Qui i giudici con l’ermellino hanno riformato la sentenza di secondo grado precisando che l’omesso invio del preventivo avviso bonario non comporta la nullità della successiva cartella di pagamento. La nullità della cartella non può discendere dal mancato invio dell’avviso bonario, ma dall’omessa attivazione del contraddittorio solo nei casi di incertezza su aspetti rilevanti della dichiarazione.

 

******

 

3) E’ nullo il mandato al difensore se manca l’indicazione del legale rappresentante della società

Il mandato in calce al ricorso rilasciato al difensore da parte di una società senza l’indicazione del rappresentante legale comporta l’inammissibilità…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it