Le principali novità della Legge di Stabilità 2016

Sono ormai definitive le novità, soprattutto in materia fiscale, previste dalla legge di Stabilità per l’anno 2016. Un primo significativo intervento è costituito dall’eliminazione degli aumenti di imposta e riduzione delle agevolazioni fiscali, vale a dire le c.d. clausole di salvaguardia, avrebbero potuto scattare a partire dal 2016.
In materia di tassazione immobiliare, deve essere opportunamente sottolineata l’esenzione IMU decisa a valere sui terreni agricoli e sui c.d. macchinari imbullonati, nonché l’esenzione TASI per la prima casa. Novità anche per gli immobili che vengono dati in comodato d’uso a famigliari in linea diretta di primo grado (figli e genitori dell’avente diritto), per i quali è prevista l’assimilazione alle abitazioni principali, a prescindere dalla previsione in questo senso del regolamento comunale, con una riduzione del 50% della base imponibile IMU. Vengono, inoltre, introdotte nuove norme per favorire la locazione finanziaria di immobili adibiti ad uso abitativo.
Tra le altre misure fiscali, viene istituita una nuova aliquota ridotta IVA al 5%, cui sono assoggettate le prestazioni socio-sanitarie ed educative rese da cooperative sociali e loro consorzi.
Sono previsti, inoltre, la riduzione – a partire dal 2017 – dell’aliquota IRES dal 27,5 al 24%, un bonus del 140% sugli ammortamenti fiscali connessi agli investimenti in macchinari ed attrezzature, una ulteriore proroga dei termini per la rivalutazione di quote e terreni detenuti da parte delle persone fisiche, con raddoppio dell’aliquota della relativa imposta sostitutiva, mentre a favore dei soggetti IRES si riapre la possibilità di rivalutare i beni d’impresa e le partecipazioni. Di seguito vengono sinteticamente illustrate alcune delle novità di maggior rilievo in ambito fiscale.
IMU terreni agricoli
A partire dal 1° gennaio 2016:

viene eliminato il moltiplicatore favorevole, pari a 75, riservato per la determinazione della base imponibile dei terreni agricoli dei coltivatori diretti (CD) e imprenditori agricoli professionali (IAP);

vengono eliminate le riduzioni a scaglioni previste per i CD e IAP dall’articolo 13, comma 8-bis, del Decreto Legge n. 201/2011 (convertito con modificazioni dalla Legge 22 dicembre 2011, n. 214)

si introduce l’esenzione per i terreni agricoli: a) posseduti e condotti dai coltivatori diretti e dagli imprenditori agricoli professionali, iscritti nella previdenza agricola, indipendentemente dalla loro ubicazione; b) ubicati nei comuni delle isole minori; c) a immutabile destinazione agro-silvo-pastorale a proprietà collettiva indivisibile e inusucapibile.

IMU/TASI sulle abitazioni principali
L’abitazione principale viene eliminata dal campo di applicazione della TASI sia nel caso in cui l’unità immobiliare è adibita ad abitazione principale del possessore, sia quando è l’occupante a destinare l’immobile detenuto ad abitazione principale, ad eccezione di quelle classificate nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9 (immobili di lusso). Il versamento della TASI, nel caso in cui l’unità immobiliare sia detenuta da un soggetto che la destina ad abitazione principale, escluse quelle si lusso, è effettuato dal possessore nella misura stabilita dal Comune nel regolamento dell’anno 2015 (se l’Amministrazione comunale nel cui territorio si trova l’immobile inciso dal tributo non ha provveduto alla determinazione della percentuale di ripartizione tra possessore ed utilizzatore dell’unità immobiliare, si assume la debenza in capo al possessore pari al 90%).
È disposta la riduzione in misura pari al 50% della base imponibile IMU per gli immobili dati in comodato d’uso a figli o genitori. Il beneficio si applica purché il contratto sia registrato e il comodante possieda un solo immobile in Italia e risieda anagraficamente nonché dimori abitualmente nello stesso comune in cui è sito l’immobile concesso in comodato. Al contempo si estende il …

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it