Le conclusioni dell’Avvocato Generale aprono le porte alla falcidia dell’Iva?

La Corte di Giustizia, in diverse occasioni, ha chiarito che il diritto dell’Unione impone agli Stati membri di adottare tutte le misure legislative e amministrative idonee a garantire che l’imposta sul valore aggiunto dovuta nel loro territorio sia interamente riscossa. La misura della discrezionalità di cui godono a tal proposito è limitata dall’obbligo, in primo luogo, di garantire l’effettiva riscossione delle risorse proprie dell’Unione e, in secondo luogo, di non creare disparità di trattamento sostanziali tra i soggetti passivi, all’interno di uno Stato membro o fra gli Stati membri (principio di neutralità fiscale).
Nella domanda di pronuncia pregiudiziale il Tribunale di Udine chiede indicazioni, in sostanza, sulla questione se tali principi precludano ad uno Stato membro di accettare un mero pagamento parziale di un debito IVA da parte di un imprenditore in stato di difficoltà finanziaria, nel corso di un concordato preventivo basato sulla liquidazione del suo patrimonio.
Ricordiamo che la possibilità o meno di falcidiare o meno il debito IVA all’interno di una procedura concorsuale minore può essere un discrimine importante nella possibilità di evitare il “fallimento”; per esperienza comune le aziende in crisi nelle ultimi fasi di vita possono trovarsi nella condizione di non poter versare le imposte dovute, fra cui l’IVA. La necessità di versare per l’intero l’IVA in fasi di crisi, e di successivo concordato, ha rappresentato un problema per gli operatori, perché la rigidità della riscossione fiscale a fronte di patrimoni aziendali incapienti ha prodotto, come effetto, l’obbligo della procedura fallimentare.
Come noto, la liquidazione fallimentare in Italia ha rigidità e costi tali da far svalutare il patrimonio in procedura con notevole danno ai creditori che vedono prolungarsi di anni il momento dell’incasso e ridursi la massa attiva. Anche un privilegio fiscale elevato, a fronte di attivi incapienti rispetto alla massa …

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it