Diario quotidiano del 15 gennaio 2016: ecco come andrà in bolletta il canone RAI

Indice:

1) Il canone Rai arriva in bolletta e costa di meno

2) F24: istituiti dei codici tributo per il versamento delle somme richieste dal Fisco per le indebite compensazioni

3) Professionisti non soggetti all’Irap

4) Dalla Legge di Stabilità 2016 un regime dei minimi con più appeal?

5) Lavoratori autonomi: aliquota INPS al 27%

6) Spese sanitarie da comunicare al Fisco protette dalla privacy

7) Dichiarazione infedele: nuova soglia vale anche per il passato

8) Nuova contabilizzazione del leasing: lo IASB ha pubblicato il principio contabile IFRS 16

9) Legge di stabilità 2016: estesa durata dei programmi di amministrazione straordinaria

10) Internazionalizzazione: protocollo d’intesa CNDCEC – Experts comptables Marocco

 

 

1) Il canone Rai arriva in bolletta e costa di meno

Da quest’anno pagare l’abbonamento Tv è più semplice ed economico. Niente più bollettini postali nelle case degli italiani. Pagare il canone tv è adesso facile come accendere la luce: dal 2016 il costo sarà incluso nella bolletta elettrica e sarà più conveniente. Il canone è dovuto una sola volta, per ogni famiglia o per gruppo di persone residenti nella stessa casa. Per tutte le altre abitazioni non ci sarà inoltre alcun addebito.

Il canone Rai è oggi più vantaggioso: l’importo per il 2016 è stato ridotto a 100 euro, diviso in rate e comincerà ad essere integrato nella bolletta elettrica di luglio. Niente più bollettino da pagare entro il 31 gennaio: il canone verrà addebitato nella bolletta elettrica della casa di residenza a prescindere dalla persona a cui è intestata. Scompare anche il rischio di dimenticare il versamento e di incappare nelle sanzioni per il ritardato pagamento.

Per qualunque dubbio o chiarimento è sempre possibile consultare il sito www.canone.rai.it. Per permettere a tutti di conoscere le nuove regole, su tutti i canali della Rai viene inoltre da oggi trasmesso uno spot che illustra le modalità della nuova normativa. La Rai sta inoltre lavorando per attivare nei prossimi giorni un Numero Verde gratuito con cui spiegare ai cittadini tutti i dubbi sul nuovo canone.

Sul sito della RAI sono state pubblicate le prime Faq sull’argomento, tra le quali viene precisato che chi possiede solo un pc non ha l’obbligo di pagare, a meno che il pc non sia dotato di sintonizzatore. Se, invece, il contribuente utilizza il pc per vedere solo in streaming i programmi non deve pagare il canone. A tal fine, deve presentare un’autocertificazione allo sportello Sat delle Entrate.

(Agenzia delle entrate, comunicato n. 4 del 13 gennaio 2016)

 

******

 

2) Modello F24: istituiti dei codici tributo per il versamento delle somme richieste dal Fisco per le indebite compensazioni

Modello F24: istituiti dei codici tributo per il versamento delle somme richieste con gli atti emessi ai sensi della legge 30 dicembre 2004, n. 311, per la violazione delle disposizioni di cui all’articolo 10 del decreto-legge 1° luglio 2009, n. 78.

A tal fine, l’Agenzia delle entrate ha rilasciato la risoluzione n. 3/E del 13 gennaio 2016.

L’articolo 10 del decreto-legge 1° luglio 2009, n. 78, convertito con modificazioni dalla legge 3 agosto 2009, n. 102, ha introdotto disposizioni in materia di utilizzo in compensazione dei crediti IVA, ai sensi dell’articolo 17 del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241.

Per la riscossione dei crediti indebitamente utilizzati in compensazione ai sensi dell’articolo 17 del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241, e successive modificazioni, nonché per il recupero delle relative sanzioni e interessi, l’articolo 1, comma 421, della legge 30 dicembre 2004, n. 311, prevede che l’Agenzia delle Entrate possa emanare apposito atto di recupero motivato, da notificare al contribuente con le modalità previste dall’articolo 60 del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 600…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it