Diario quotidiano del 13 gennaio 2016, dogane: al via le semplificazioni; nuove imprese a “tasso zero”: da oggi l’invio delle domande di agevolazione

Pubblicato il 13 gennaio 2016

modello per dimissioni e risoluzione consensuale del rapporto di lavoro in G.U.; Dogane: al via le semplificazioni; problematico l’invio delle spese sanitarie; nuove imprese a “tasso zero”: da oggi l’invio delle domande di agevolazione; caso di nullità dell’accertamento catastale; l’avvenuta cancellazione dal registro delle imprese non libera l’imprenditore; Gestione Artigiani e Commercianti: pronti i modelli F24 nel cassetto previdenziale on line; nuove regole procedurali per le istanze di interpello
Indice: 1) Modello per dimissioni e risoluzione consensuale del rapporto di lavoro in G.U. 2) Dogane: al via le semplificazioni 3) Problematico l’invio delle spese sanitarie 4) Nuove imprese a “tasso zero”: da oggi l’invio delle domande di agevolazione 5) Caso di nullità dell’accertamento catastale 6) L’avvenuta cancellazione dal registro delle imprese non libera l’imprenditore 7) Gestione Artigiani e Commercianti: pronti i modelli F24 nel cassetto previdenziale on line 8) Nuove regole procedurali per le istanze di interpello  
  1) Modello per dimissioni e risoluzione consensuale del rapporto di lavoro in G.U. Il Decreto del Ministero del Lavoro del 15 dicembre 2015, che è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 7 del 11 gennaio 2016, stabilisce le modalità di comunicazione delle dimissioni e della risoluzione consensuale del rapporto di lavoro. Parte integrante del decreto sono il modulo (Allegato A) e le modalità tecniche di trasmissione (Allegato B). Il Decreto (in vigore dal 12 gennaio 2016) definisce i dati contenuti nel modulo per le dimissioni e la risoluzione consensuale del rapporto di lavoro e la loro revoca e gli standard e le regole tecniche per la compilazione del modulo e per la sua trasmissione al datore di lavoro e alla Direzione territoriale competente, in attuazione di quanto previsto dall’art. 26, comma 3 del DLgs. 151/2015 (attuativo del Jobs Act). In particolare, il modulo è reso disponibile ai lavoratori e ai soggetti abilitati nel sito del Ministero del Lavoro con le modalità tecniche anch’esse stabilite nell’Allegato B del decreto 15 dicembre 2015. Inoltre, sempre nell’allegato B vengono stabilite le modalità di inoltro del modulo alla casella PEC del datore di lavoro, quelle di trasmissione alla Direzione territoriale del lavoro competente e infine i caratteri di non contraffazione e falsificazione della manifestazione di volontà di recedere o risolvere il rapporto di lavoro o di revocare tale volontà. La procedura illustrata nell’Allegato B al decreto mira a garantire: - il riconoscimento certo del soggetto che effettua l’adempimento; - l’attribuzione di una data certa di trasmissione alla comunicazione; - la revoca della comunicazione entro sette giorni dalla data di trasmissione; - l’intervento di un soggetto abilitato a supporto del lavoratore per l’esecuzione delle operazioni di trasmissione e revoca.   ******   2) Dogane: al via le semplificazioni Lo prevedono i regolamenti attuativi del Codice doganale unionale pubblicati in Guue. Partiranno dal prossimo 1° maggio le dichiarazioni telematiche estremamente ridotte. Dunque, dal 1° maggio 2016 le informazioni tra autorità doganali e operatori economici circoleranno solo in via telematica. Ci sarà una procedura snellita, grazie alla quale sarà possibile presentare le dichiarazioni senza dover fornire tutti gli elementi ordinariamente necessari. Mentre gli operatori economici potranno dichiarare le merci e pagare i relativi diritti direttamente dalla propria sede presso un unico ufficio doganale prescelto in un