Diario quotidiano del 18 dicembre 2015: continua il balletto sull'IMU della casa data in uso ai familiari

 

Indice:

1) novità sulla legge di Stabilità in discussione in Parlamento

2) F24 unificato dell’accisa entro il 18 dicembre 2015

3) Reati contabili: quando è colpevole il sindaco insieme all’amministratore della società

4) Collaborazioni coordinate e continuative: chiarimenti del Welfare pero i rapporti dal 2016

5) Semplificazioni e novità in materia di gestione del rapporto di lavoro

6) Assemblea degli Ordini dei Commercialisti: appello all’unità

7) Raccolta ragionata delle sentenze delle Commissioni Tributarie provinciali e regionali

8) Credito d’imposta Irap per le imprese senza dipendenti: istituito il codice tributo nel Modello F24

9) Dichiarazione bollo virtuale: pronta la nuova versione del modello

10) Modello 730/2016: Dopo il modello, adesso sono disponibili le istruzioni

 

 

 

1) novità sulla legge di Stabilità in discussione in Parlamento:

Case date in comodato ai familiari: si paga l’IMU al 50%

Dietro front del governo: Sulle case in comodato d’uso a figli o genitori non ci sarà la totale esenzione IMU ma una riduzione del 50% della base imponibile.

È questo il cambio di rotta introdotto alla disciplina sulle esenzioni IMU da un emendamento approvato in commissione bilancio alla Camera sulla legge di stabilità che da oggi sarà all’esame dell’aula.

Sul fronte fiscale le ultime correzioni approvate riguardano una detrazione dall’Irpef (ripartita in 10 anni) del 50% dell’importo corrisposto per il pagamento dell’Iva sull’acquisto, nel 2016, di immobili di classe A o B cedute dal costruttore.

In tema di Iva si rende strutturale la compartecipazione all’imposta attribuita alle regioni confinanti con la Svizzera per evitare la concorrenza «sleale» su benzina e gasolio.

Nel capitolo delle deduzioni Irap lo sconto nel limite del 70% è esteso ai lavoratori stagionali impiegati per almeno 120 giorni. Mentre è assimilato ai redditi di lavoro dipendente il reddito dei soci delle cooperative artigiane.

Imposte ipotecarie e catastali in misura fissa per le assegnazioni e le cessioni dei beni ai soci.

Rimborsi Iva ai cittadini extra Ue effettuabili anche dagli intermediari iscritti agli istituti di pagamento secondo, però percentuali di rimborso da definire con decreto del ministero dell’economia. La stabilità fissa, infine, l’addio alla tassa di diporto per gli yacht.

Per i Caf basta la fideiussione bancaria

Titoli di stati e fideiussioni bancarie in luogo della polizza assicurativa dei Caf. I requisiti previsti per lo svolgimento delle attività di questi ultimi si applicheranno con riferimento alle dichiarazioni trasmesse negli anni 2015-2017, in luogo degli anni 2016-2018. Sono queste alcune delle novità introdotte dagli emendamenti alla legge di Stabilità e rivolte ai Centri di assistenza fiscale. Tra le nuove misure, la possibilità per tutti i soggetti non residenti nel territorio italiano di fruire delle modalità di determinazione dell’Irpef applicabili ai soggetti residenti, ai sensi delle disposizioni Tuir, articoli da 1 a 23. Resta fermo che il reddito prodotto nel territorio italiano dovrà essere almeno pari al 75% del reddito complessivo, salvo che il soggetto già non goda di analoghe agevolazioni nello stato di residenza. Infine, le predette disposizioni restano valide a patto che il paese estero assicuri un adeguato scambio di informazioni.

La modifica che l’emendamento concede ai Caf consente quindi che in luogo della polizza assicurativa, richiesta per l’ordinario svolgimento dell’attività, possano essere prestate idonee garanzie sotto forma di titoli di stato, titoli garantiti o fideiussioni bancarie o assicurative. Ulteriori modalità d’adempimento potranno essere individuate tramite decreto del Ministero dell’economia.

L’emendamento prevede infine che venga ristabilita la responsabilità solidale tra Caf e Raf (responsabile assistenza fiscale) …

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it