Diario quotidiano del 12 novembre 2015: al via le sanzioni ridotte sul reverse charge

 

 Indice:

 1) Compensi amministratori giudiziari in Gazzetta Ufficiale

 2) Inversione contabile: al via le sanzioni ridotte sulle eventuali violazioni

 3) Aperture partite Iva in lieve aumento

 4) Presupposti per l’assoggettamento ad Irap

 5) La contabilità formalmente corretta ‘salva’ dall’accertamento induttivo?

 6) Iva indetraibile se le fatture vengono solo annotate

 7) Imprese: Ricerca del CNDCEC, tax rate al 44%

 8) Lavoro: sportelli Inail, prima i commercialisti  

 9) INPS: Cassetto Previdenziale per  i Committenti della Gestione Separata – Sezione Comunicazione bidirezionale

 10) Ministero del Lavoro: esonero contributi previdenziali e comportamenti elusivi – attività di vigilanza

 

1) Compensi amministratori giudiziari in Gazzetta Ufficiale
È stato pubblicato, sulla Gazzetta Ufficiale n. 262 del 10 novembre 2015, il D.P.R. n. 177 del 7 ottobre 2015, che sarà in vigore dal 25 novembre 2015.
Si tratta del regolamento recante disposizioni in materia di modalità di calcolo e liquidazione dei compensi degli amministratori giudiziari iscritti all’Albo di cui al D.Lgs. n. 14/2010. Tra i criteri individuati dal decreto, per i beni costituiti in azienda, quando sono oggetto di diretta gestione da parte dell’amministratore giudiziario, i compensi devono consistere in una percentuale, calcolata sul valore del complesso aziendale, non superiore a una serie di misure che variano a seconda del valore. Si va dal 12 al 14% quando il valore non supera i 16.227,08 euro, fino un range tra lo 0,45% e lo 0,90% sulle somme che superano i 2.434.061,037 euro. Per i beni costituiti in azienda, quando sono concessi in godimento a terzi, i compensi devono sempre consistere in una percentuale non superiore alle seguenti misure: dal 4,8% al 5,6% quando il valore non supera 16.227,08 euro; fino a un valore compreso tra lo 0,2% e lo 0,36% sulle somme che superano 2.434.061,37 euro. Per i beni immobili, invece, i compensi oscillano da una percentuale che varia tra il 6% e il 7% quando il valore non supera 16.227,08 euro e un valore compreso tra lo 0,22% e lo 0,45% sulle somme che superano 2.434.061,37 euro. Stabiliti anche i compensi per i frutti che si ritraggono dai beni. Per la determinazione del valore, si deve invece considerare: l’importo realizzato, per i beni liquidati; il valore stimato dal perito ovvero, in mancanza, dall’amministratore giudiziario, per i beni che non hanno costituito oggetto di liquidazione; ogni altra somma ricavata. Inoltre, quando l’amministratore giudiziario assiste il giudice per la verifica dei crediti è corrisposto, sull’ammontare del passivo accertato, un compenso supplementare dallo 0,19% allo 0,94% sui primi 81.131,38 euro e dallo 0,06% allo 0,46% sulle somme eccedenti tale cifra. Il decreto prevede infine la possibilità, per l’autorità giudiziaria, di aumentare o ridurre l’ammontare del compenso liquidato in misura non superiore al 50%, sulla base dei seguenti criteri: complessità della gestione, ricorso all’opera di coadiutori, necessità e frequenza dei controlli esercitati, qualità dell’opera prestata e dei risultati ottenuti, sollecitudine con cui sono state condotte le attività di amministrazione.

2) Inversione contabile: al via le sanzioni ridotte sulle eventuali violazioni
Violazioni sul reverse charge: A seguito della revisione del sistema sanzionatorio si applica solo la sanzione in misura fissa, oltre alla possibilità di non superare il tetto massimo, questo per effetto del cumulo giuridico.
In particolare, il trattamento più favorevole per i contribuenti si è reso possibile grazie al D.Lgs. n. 158/2015 che ha rimodulato le disposizioni dell’art. 6 del D.Lgs. n. 471/1997, concernenti le sanzioni per le violazioni degli obblighi di documentazione delle operazioni Iva.
Dunque, violazioni all’inversione contabile con cumulo giuridico: la riqualificazione come formali delle …

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it