Diario quotidiano del 3 novembre 2015: dal 2016 l'aliquota Enasarco sale al 7,55%; fattura elettronica G.S.E. per scambio sul posto

 

 Indice:
 1) L’elusione da sola non rileva penalmente
 2) Polizza assicurativa da tenere ancora in auto
 3) Agenzia entrate: é stretta sulle interpretazioni
 4) Camere di commercio accorpate a 60 (da 105 sedi)
 5) Confermata la misura del contributo annuale dei commercialisti per il 2016
 6) Aliquota Enasarco dal 2016
 7) E’ a rischio, non solo fatturazione generica, ma anche le “causali di massa”
 8) Legge di Stabilità 2016 “e varie”: abrogato il regime di esonero IVA per gli agricoli, novità sulla SCIA, prorogate per il 2016 le detrazioni per interventi di ristrutturazione
 9) Fatturazione elettronica al GSE: dal 3 novembre 2015 è attivo il servizio anche per lo scambio sul posto
 10) Impiego di carburanti agevolati per azionamento autoambulanze: circolare delle Dogane
 

 
1) L’elusione da sola non rileva penalmente
L’elusione da sola non ha rilevanza penale: così la Cassazione spiega l’assoluzione degli stilisti Dolce e Gabbana, assolti dalle accuse di evasione fiscale. Il proscioglimento “perché il fatto non sussiste” era già stato reso noto un anno fa, chiudendo una vicenda penale lunga sette anni. Quanto al peso delle disposizioni antielusive, la Cassazione spiega che non hanno rilevanza penale soltanto come “norme che concorrono a definire sul piano oggettivo alcuni degli elementi normativi della fattispecie”. Cioè, l’imposta effettivamente dovuta e/o gli elementi attivi e passivi. La volontaria elusione dell’imposta effettivamente dovuta si traduce sul piano penale nella consapevolezza di alcuni degli elementi costitutivi del reato “e non è pertanto sufficiente a integrare il fine di evasione, che quella consapevolezza presuppone”.
L’esclusivo perseguimento di un risparmio fiscale può far qualificare l’operazione come elusiva ma non è di per sé sufficiente a dimostrare il dolo di evasione.
La Cassazione limita molto la contestabilità dell’esterovestizione. Infatti, ai fini della condanna per i reati fiscali è necessario dimostrare che la società all’estero sia solo uno schermo, una scatola vuota, non essendo sufficiente contestare l’elusione perché dalla filiale italiana parte la gestione del gruppo. Ma non solo: con la sentenza n. 43809 del 30 ottobre 2015, la Suprema corte ribadisce l’irrilevanza penale dell’abuso del diritto, nell’ambito dell’inchiesta che vede ora assolti i due noti stilisti, Dolce e Gabbana, da tutte le accuse di evasione ed elusione fiscale.
In particolare i due erano stati accusati di non aver dichiarato né pagato le imposte sul flusso di denaro generato dallo sfruttamento del famoso marchio, ceduto a una società lussemburghese, apparentemente, avevano detto gli inquirenti, gestita da una filiale milanese.
Il Tribunale e la Corte d’appello meneghini li avevano condannati contestando loro l’omessa dichiarazione, l’esterovestizione e l’elusione fiscale. Ora la terza sezione penale del Palazzaccio ha ribaltato il verdetto arrivando a una assoluzione piena, perché il fatto non sussiste.
In 100 pagine di motivazioni sono molti i chiarimenti forniti dal Collegio di legittimità. Il primo sull’esterovestizione che esca con le ossa rotte. Infatti, a parere degli Ermellini, in caso di società con sede legale estera controllata, non può costituire criterio esclusivo di accertamento della sede della direzione effettiva l’individuazione del luogo dal quale partono gli impulsi gestionali o le direttive amministrative ove esso si identifichi con la sede della società controllante italiana. È infatti necessario accertare anche che la società controllata …

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it