L'inquadramento dei lavoratori nelle Associazioni Sportive Dilettantistiche e nelle SSD, la correttezza dei contratti di lavoro in essere

In caso di verifica ispettiva da parte della DTL (Direzione Territoriale del Lavoro) presso una A.S.D. o una S.S.D., l’indagine non verterà presumibilmente sullo scopo non lucrativo (materia esaminata più che altro dall’Agenzia delle Entrate ai fini dell’applicazione del regime di vantaggio), quanto piuttosto sulla natura giuridica delle prestazioni rese dagli sportivi dilettanti in quanto, come noto, i citati sodalizi hanno la possibilità di stipulare contratti con gli sportivi secondo le regole ordinarie, ovvero lavoro subordinato, autonomo e parasubordinato, ma hanno anche la facoltà di inquadrare i compensi relativi a tali prestazioni nell’alveo di applicabilità della normativa di favore di cui all’art. 67, c. 1, lett. m, del D.P.R. n. 917/1986.
Come accennato, dunque, in caso di inquadramento dello sportivo o dell’istruttore secondo un regime giuslavoristico ordinario, si applicherà il contratto collettivo “palestre ed impianti sportivi”, anche se è ammessa l’applicazione di un contratto appartenente ad un settore diverso (rif. Interpello Ministero del Lavoro n. 22/2010).
Dal punto di vista previdenziale, il prelievo contributivo principale sarà quello ex Enpals, ma i compensi saranno soggetti anche al prelievo Inps in relazione alle “assicurazioni minori” (disoccupazione involontaria, A.N.F.,malattia, maternità).
Sotto il profilo fiscale, gli sportivi saranno soggetti ad un identico prelievo sia come dipendenti che come collaboratori coordinati e continuativi.

Le S.S.D. e le A.S.D. possono usufruire delle prestazioni sportive o di quelle di natura amministrativo gestionale (parificate a quelle sportive dell’art. 90 c. 3 della L. n. 289/02), inquadrando i relativi compensi nell’ambito della speciale disciplina definita dal combinato disposto di cui alle seguenti norme:

art. 67 c. 1 lett. m D.P.R. n. 917/1986: sono redditi diversi: “le indennità di trasferta, i rimborsi forfettari di spesa, i premi e i compensi erogati ai direttori artistici ed ai collaboratori tecnici per prestazioni di natura non professionale da parte di cori, bande musicali e filodrammatiche che perseguono finalità dilettantistiche, e quelli erogati nell’esercizio diretto di attività sportive dilettantistiche dal Coni, dalle Federazioni sportive nazionali, dall’Unione Nazionale per l’Incremento delle Razze Equine (UNIRE), dagli enti di promozione sportiva e da qualunque organismo, comunque denominato, che persegua finalità sportive dilettantistiche e che da essi sia riconosciuto. Tale disposizione si applica anche ai rapporti di collaborazione coordinata e continuativa di carattere amministrativo-gestionale di natura non professionale resi in favore di società e associazioni sportive dilettantistiche”;

art. 69 del D.P.R. n. 917/1986: “Le indennità, i rimborsi forfettari, i premi e i compensi di cui alla lettera m) del comma 1 dell’art. 67 non concorrono a formare il reddito per un importo non superiore complessivamente nel periodo d’imposta a 7.500,00 euro. Non concorrono, altresì, a formare il reddito i rimborsi di spese documentate relative al vitto, all’alloggio, al viaggio e al trasporto sostenute in occasione di prestazioni effettuate fuori dal territorio comunale”;

art. 2 cc. 1 e 2 lett. d D.Lgs. n. 81/2015:

1. “A far data dal 1° gennaio 2016, si applica la disciplina del rapporto di lavoro subordinato anche ai rapporti di collaborazione che si concretano in prestazioni di lavoro esclusivamente personali, continuative e le cui modalità di esecuzione sono organizzate dal committente anche con riferimento ai tempi e al luogo di lavoro.
2. La disposizione di cui al comma 1 non trova applicazione con riferimento:
omissis
d) alle collaborazioni rese a fini istituzionali in favore delle associazioni e società sportive dilettantistiche affiliate alle federazioni sportive nazionali, alle discipline sportive associate e agli enti di promozione sportiva …

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it