Il nuovo processo tributario telematico inizia dall’1 dicembre prossimo

di Enzo Di Giacomo

Pubblicato il 8 settembre 2015

dal prossimo 1 dicembre nell'Umbria e nelle Marche esordirà il processo tributario telematico: ecco tutte le novità a cui dovremo essere pronti per la gestione informatica del contenzioso

 

Si è arrivati dopo rinvii e interventi normativi di modifica alla partenza ufficiale del processo tributario telematico.

E’ stato pubblicato, infatti, il decreto direttoriale del 4 agosto 2015 (G.U. n. 184 del 18/08/2015) che stabilisce le regole tecniche riguardanti la costituzione in giudizio nel processo tributario con modalità telematiche, previa notifica a mezzo PEC che partirà il prossimo 1 dicembre presso le Commissioni Tributarie Provinciali e Regionali di Toscana ed Umbria.

La scelta di queste due città pilota rappresenta il prologo a quello che nel tempo sarà il lancio definitivo su tutto il territorio nazionale.

Il citato decreto ha reso operative le disposizioni contenute nel D.M. 23.12.2013, n. 167, contenente modalità di utilizzo degli strumenti informatici e delle comunicazioni. Tale ultimo decreto ministeriale non ha modificato la struttura del giudizio tributario, consentendo comunque ditrasmettere e consultare gli atti con modalità telematiche.

Il processo tributario telematico è stato introdotto con il fine principale di semplificare l’attività delle Segreterie delle commissioni tributarie, facilitare gli utenti nella risoluzione dei problemi connessi alla presentazione del ricorso e di tutte le incombenze che ne derivano. In sostanza migliorare il rapporto tra contribuente e contenzioso tributario attraverso la costituzione di un’alternativa valida e semplice che sostituisce il deposito brevi manu degli atti processuali.

Ciò significa che contribuenti e professionisti non dovranno più fare la fila tra uffici, poste e segreterie di com