Diario quotidiano del 2 settembre 2015: le novità per i pagamenti transfrontalieri

coefficiente di rivalutazione per il TFR 2015; pagamenti transfrontalieri: nuova disciplina sanzionatoria in G.U.; online il servizio per l’iscrizione alla rete del lavoro agricolo di qualità; professionisti: le spese comuni vanno riaddebitate; decreto fallimento e giustizia: pubblicata in Gazzetta Ufficiale la legge di conversione; voucher per l’internazionalizzazione: tempistiche attivazione, nota CNDCEC

 

 Indice:

 1) Coefficiente di rivalutazione per il TFR 2015

 2) Pagamenti transfrontalieri: nuova disciplina sanzionatoria in G.U.

 3) Online il servizio per l’iscrizione alla Rete del lavoro agricolo di qualità

 4) Professionisti: le spese comuni vanno riaddebitate

 5) Decreto fallimento e giustizia: pubblicata in Gazzetta Ufficiale la legge di conversione

 6) Voucher per  l’internazionalizzazione: tempistiche attivazione

 

 

1) Coefficiente di rivalutazione per il TFR 2015

L’indice Istat relativo al mese di luglio 2015 è pari a 107,2 %. Il coefficiente per rivalutare le quote di trattamento di fine rapporto è 1,015187 %

TFR: aggiornato il coefficiente di rivalutazione per il mese di luglio 2015

Le quote di TFR, accantonate al 31 dicembre 2014, vanno rivalutate dello 1,015187 %.

TFR: il coefficiente di rivalutazione dal 2005

anno

mese

TFR   maturato fino al periodo compreso tra

coefficiente   di rivalutazione (%)

2015

luglio

15   lug – 14 ago

1,015187

2015

giugno

15   giu – 14 lug

0,960280

2015

maggio

15   mag – 14 giu

0,765187

2015

aprile

15   apr – 14 mag

0,570093

2015

marzo

15   mar – 14 apr

0,375000

2015

Febbraio

15   feb – 14 mar

0,25000

2015

gennaio

15   gen – 14 feb

0,1250  

 

2) Pagamenti transfrontalieri: nuova disciplina sanzionatoria in G.U.

È stato pubblicato, nella Gazzetta Ufficiale n. 201 del 31 agosto 2015, il D.Lgs. n. 135/2015 recante disposizioni in merito alla disciplina sanzionatoria delle violazioni dei Regolamenti CE n. 924/2009, relativo ai pagamenti transfrontalieri nella Comunità, e UE n. 260/2012, avente ad oggetto i requisiti tecnici e commerciali per i bonifici e gli addebiti diretti in euro.

Il suddetto Decreto dispone che l’autorità competente per l’irrogazione delle sanzioni in caso di violazione di entrambe le normative è la Banca d’Italia, ad eccezione di alcune sanzioni per le quali continua ad essere competente l’Autorità garante della concorrenza e del mercato.

In particolare, è l’art. 5 del medesimo Decreto che contiene le circostanze per la determinazione dell’ammontare delle sanzioni amministrative pecuniarie quali: gravità e durata della violazione; capacità finanziaria del responsabile della violazione; entità del vantaggio ottenuto o delle perdite evitate attraverso la violazione, nella misura in cui essa sia determinabile; pregiudizi causati a terzi attraverso la violazione, nella misura in cui il loro ammontare sia determinabile; precedenti violazioni commesse da parte del medesimo soggetto; potenziali conseguenze sistemiche della violazione. Il provvedimento è già entrato in vigore dal 1 settembre 2015.

 

3) Online il servizio per l’iscrizione alla Rete del lavoro agricolo di qualità

L’INPS, con il comunicato del 1° settembre 2015, ha reso noto che da tale giorno è aperta la procedura on line per l’invio online della domanda di iscrizione alla Rete del lavoro agricolo di qualità.

Il servizio consente di confermare o modificare l’indirizzo PEC dell’utente e mette a disposizione la maschera da compilare per l’invio della domanda di iscrizione alla Rete del lavoro agricolo di qualità.

I destinatari del servizio possono verificare lo stato della domanda: trasmessa, presa in carico, accolta, accolta con riserva, respinta.

Si accede con Codice Fiscale – PIN; prima dell’accesso, le aziende agricole devonoessere state autorizzate dalle Sedi Inps all’invio dei modelli DMAG.

Rete del lavoro agricolo di qualità – azioni positive al lavoro nero in agricoltura

Dal 1° settembre è possibile presentare le istanze di adesione alla Rete del lavoro agricolo di qualità, di cui al D.L. 91/2014, tramite un apposito servizio telematico reso disponibile dall’INPS.

Alla procedura si accede attraverso il sito mediante il seguente percorso: Servizi online > Accedi ai…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it