Diario quotidiano del 10 luglio 2015: le lettere di anomalie sugli studi di settore sono disponibili nel proprio cassetto fiscale


monito dalla Cassazione: l’invio telematico esige la ricevuta; ok al ricorso contro la cartella anche solo per l’ipotesi degli omessi versamenti; fisco: sono validi documenti di prova prodotti per la prima volta in giudizio; lavoro accessorio: comunicazione preventiva all’INPS; studi di settore: lettere di anomalie disponibili nel proprio cassetto fiscale; salvi i vecchi contratti di associazione in partecipazione; modificato il software di compilazione modello 770 semplificato e ordinario 2015 e pure quello di controllo; la violazione dei requisiti formali non mette in discussione la detrazione Iva

 

Contenuto disponibile solo per utenti abbonati

Per continuare a leggere il contenuto di questa pagina è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione in alto a destra. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?


Partecipa alla discussione sul forum.