Diario quotidiano del 7 luglio 2015: ecco tutti i software aggiornati dall’Agenzia

Pubblicato il 7 luglio 2015

aggiornato software modello 730/2015; aggiornato software di compilazione e controllo Irap 2015; entrate tributarie in leggero aumento; congedo parentale, elevazione dei limiti temporali di usufruizione: modalità di presentazione della domanda nel periodo transitorio; commercialisti: DURC on line, un debutto brillante; Assonime commenta le misure urgenti in materia di fallimento e giustizia; pubblicate le linee guida ANAC per le società controllate e partecipate dalle pubbliche amministrazioni; accertamento nullo se le perdite in bilancio sono giustificate da investimenti

 

 Indice:

 1) Aggiornato software modello 730/2015

 2) Aggiornato software di compilazione e controllo Irap 2015

 3) Entrate tributarie in leggero aumento

 4) Congedo parentale, elevazione dei limiti temporali di usufruizione: modalità di presentazione della domanda   nel periodo transitorio

 5) Commercialisti: DURC on line, un debutto brillante

 6) Assonime commenta le misure urgenti in materia di fallimento e giustizia

 7) Pubblicate le linee guida ANAC per le società controllate e partecipate dalle pubbliche amministrazioni

 8) Accertamento nullo se le perdite in bilancio sono giustificate da investimenti

 

 

1) Aggiornato software modello 730/2015

L’Agenzia delle entrate ha aggiornato il software di controllo Modello 730/2015, si tratta della versione 1.0.5 del 06/07/2015.

Le procedure di controllo consentono di evidenziare, mediante appositi messaggi di errore, le anomalie o incongruenze riscontrate tra i dati contenuti nel modello di dichiarazione e nei relativi allegati e le indicazioni fornite dalle specifiche tecniche e dalla circolare dei controlli. Nel caso di specie, il software consente il controllo del modello 730/2015

Ecco gli aggiornamenti della versione 1.0.5 del 06/07/2015

Aggiornato il controllo del rigo 13 del prospetto di liquidazione rideterminato ai fini del calcolo degli acconti Irpef, in presenza di un importo nella col. 3 del rigo E31 (Fondo pensione negoziale dipendenti pubblici).

Nel caso di dichiarazione congiunta senza sostituto d’imposta, aggiornato il controllo dei righi 241, 242 e 243 del mod. 730-3 nel caso di domicilio fiscale del dichiarante uguale a quello del coniuge.

Aggiornato il controllo relativo alla corretta impostazione della casella casi particolari IMU nel caso in cui l’abitazione principale sia cambiata nel corso dell’anno e sia relativi ad immobili situati in comuni diversi.

Aggiornato il controllo dei campi da 161 a 164, 172 e 173 nel caso di modello 730 integrativo.

 

2) Aggiornato software di compilazione e controllo Irap 2015

L’Agenzia delle entrate ha reso disponibile il software di compilazione modello Irap/2015 versione 1.0.2 del 06/07/2015, nonché il relativo programma di controllo.

Il software Irap 2015 consente la compilazione del modello Irap 2015 e la creazione del relativo file da inviare telematicamente.

Irap 2015 utilizza una nuova tecnologia di distribuzione dei software basati su Java che consente all'utente di usufruire delle applicazioni direttamente dal web. In tal modo è possibile attivare le applicazioni in maniera semplice e con un solo clic, avendo la certezza di utilizzare sempre la versione più aggiornata ed evitando complesse procedure di installazione o aggiornamento.

Questi gli aggiornamenti della versione 1.0.2 del 06/07/2015

Corretto controllo nel Frontespizio per la casella firma dell’organo di controllo

Corretto il controllo dell’ulteriore deduzione.

Corretto il controllo del codice ZFU del quadro IS.

Corretto il controllo sui Corrispettivi per i quadri multi modulo.

Corretto il controllo di IS38.

Quadro IR - sezione III, corretto il codice aliquota.

 

3) Entrate tributarie in leggero aumento

Entrate tributarie: nel periodo gennaio-maggio 2015 aumentano dello 0,9%. Si conferma positivo il gettito IVA (+0,7%)

Nei primi cinque mesi del 2015 le entrate tributarie erariali, accertate in base al criterio della competenza giuridica, ammontano a 151.680 milioni di euro, in crescita rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso (+1.338 milioni di euro, pari a +0,9%).

IMPOSTE DIRETTE

Registrano un gettito complessivamente pari a 77.378 milioni di euro, in aumento del 3,6% (+2.681 milioni di euro) rispetto agli stessi mesi del 2014.

L’introito dell’IRPEF cresce dell’1,1% (+753 milioni di euro) principalmente per effetto delle ritenute sui redditi dei dipendenti del settore privato (+3,5%) e di quelle dei lavoratori autonomi (+1,7%). In calo, invece, le ritenute sui redditi dei dipendenti del settore pubblico (–2,0%). Tale variazione negativa è tuttavia attribuibile al meccanismo di regolazione contabile del bonus degli 80 euro fino ad oggi corrisposto (950 milioni di euro), che per il settore pubblico avviene l’anno successivo a quello di attribuzione.

L’IRES presenta un gettito di 1.118 milioni di euro (-297 milioni, pari al – 21,0%). I versamenti nella prima parte dell'anno non sono particolarmente significativi e l'andamento tendenziale del gettito potrà essere va