Il problema della dichiarazione TASI

 
In materia di TASI i motivi di preoccupazione per il commentatore non si fermano alla querelle relativa all’esistenza o meno dell’obbligo per le Amministrazioni comunali di produrre i bollettini di pagamento precompilati a favore dei contribuenti, vicenda che già di per sé è sintomatica della confusione di fondo che affligge, sin dalla scrittura del provvedimento istitutivo, un tributo nato male e cresciuto peggio.
Il disordine è infatti ulteriormente cresciuto dopo l’emanazione delle precisazioni sulla dichiarazione TASI (adempimento previsto entro il 30 del mese di giugno) da parte del Dipartimento delle Finanze, che con un’apposita risoluzione (la n. 3/DF del 25 marzo 2015), emanata a seguito di uno specifico quesito proposto dall’ANUTEL (l’Associazione Nazionale Uffici Tributi Enti Locali), ha stabilito che le amministrazioni comunali non devono assolutamente “creare” un apposito modello di dichiarazione ai fini TASI, valido all’interno della propria giurisdizione, visto che il già esistente modello IMU vale anche ai fini della TASI ed una proliferazione di modelli su base comunale sarebbe esclusivamente un elemento di confusione.
Ma ecco che puntualmente appare una versione diametralmente opposta, questa volta offerta da IFEL (Istituto per la Finanza e l’Economia Locale) con una nota emessa sul proprio portale, secondo cui la disciplina sulla TASI non prevederebbe l’adozione di un modello unico ministeriale e quindi ogni Comune dovrebbe approvare il proprio modello di dichiarazione.
 
Esattamente l’opposto di quanto sostenuto dal MEF. L’IFEL fonda la sua interpretazione del dettato normativo sulla base della considerazione secondo cui il riferimento all’articolo 1, comma 687 della Legge di stabilità 2014, che estende alla TASI le disposizioni concernenti la “presentazione” della dichiarazione IMU, non può essere così ampio da ricomprendere anche l’adozione di un modello unico nazionale. Inoltre la disciplina sulla TASI, specificando i contenuti e gli obblighi dichiarativi con riferimento a ciascuna delle tre componenti della IUC (IMU, TARI e TASI), non affermerebbe che il modello di dichiarazione TASI debba soggiacere ad un preventivo decreto da emanarsi da parte del Ministero dell’Economia.
L’intervento del MEF, secondo l’IFEL non sarebbe quindi espressamente previsto per la TASI né potrebbe essere esteso per analogia ad una diversa fattispecie impositiva. Ma non basta: ISFEL rincara la dose critica nei confronti del MEF sostenendo che se il modello unico valesse per tutti i tributi, allora anche per la TARI dovrebbe essere approvato un modello nazionale, dal momento che anche per questo tributo non è prevista la dichiarazione comunale. In realtà l’argomentazione dell’IFEL è alquanto speciosa se non inutile in quanto, in base alle previsioni contenute nella Legge di Stabilità per l’anno 2014 (Legge n. 147/2013), i soggetti passivi del tributo sono tenuti a presentare la dichiarazione relativa alla IUC (composta da IMU, TASI e TARI) entro il termine del 30 giugno dell’anno successivo alla data di inizio del possesso o della detenzione dei locali e delle aree assoggettabili al tributo redigendo la dichiarazione “su modello messo a disposizione dal comune” ma non da esso predisposto.
 
Infatti, la legge stabilisce espressamente che “ai fini della dichiarazione relativa alla TASI si applicano le disposizioni concernenti la presentazione della dichiarazione dell’IMU”. Ed a questo proposito, il Decreto Legge n. 201/2011 (“Disposizioni urgenti per la crescita, l’equità e il consolidamento dei conti pubblici”), convertito con modificazioni dalla Legge 22 dicembre 2011, n. 214,prevede espressamente che la dichiarazione IMU debba essere presentata “utilizzando il modello approvato con il decreto di cui …

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it