Diario quotidiano del 3 giugno 2015: Certificazione Unica, in arrivo la disapplicazione delle sanzioni?

Pubblicato il 3 giugno 2015

decontribuzione premi: decreto in G.U.; rapporto Mediobanca: tassazione asfissiante per le imprese; é stata pubblicata sulla G.U. la Legge sul falso in bilancio; il commercialista deve sempre consigliere il cliente anche se non è autorizzato a ricorrere in Cassazione; imposte indirette applicabili agli atti di redistribuzione di aree tra co-lottizzanti; l’Agenzia rende disponibile i software per chi aderisce al consolidato nazionale o mondiale; certificazioni uniche: dai commercialisti è no alle sanzioni sul ritardo nell’invio; deduzione dei costi di sponsorizzazione

 

 Indice:

 1) Decontribuzione premi: decreto in G.U.

 2) Rapporto mediobanca: tassazione asfissiante per le imprese

 3) E’ stata pubblicata sulla G.U. la Legge sul falso in bilancio

 4) Il commercialista deve sempre consigliere il cliente anche se non è autorizzato a ricorrere in Cassazione

 5) Imposte indirette applicabili agli atti di redistribuzione di aree tra co-lottizzanti

6) L’Agenzia rende disponibile i software per chi aderisce al consolidato nazionale o mondiale

 7) Certificazioni uniche: dai commercialisti è no alle sanzioni sul ritardo nell’invio

8) Deduzione dei costi di sponsorizzazione

 

 

1) Decontribuzione premi: decreto in G.U.

Pubblicato, sulla Gazzetta Ufficiale del 29 maggio 2015, il Decreto 8 aprile 2015 sugli incentivi.

Versione light per la decontribuzione premi del 2014. Le risorse disponibili sono 391milioni di euro (il 60% dei 650 milioni originari) e lo sgravio contributivo (25% ai datori di lavoro e 100% ai lavoratori) si applica alle somme di produttività erogate nel 2014 nel limite dell’1,6% della retribuzione del lavoratore (l’anno scorso il 2,25%).

Come premesso, a dare il via libera all’incentivo, da fruire nel corso di quest’anno, è il suddetto decreto. La parola passa ora all’Inps che deve indicare le modalità operative, nonché fissare il termine di trasmissione delle istanze. Gli accordi di produttività, se non già fatto, vanno depositati alla direzione territoriale del lavoro (Dtl) entro i prossimi 30 giorni.

La decontribuzione ha il fine di agevolare la contrattazione di prossimità o di secondo livello: aziendale e territoriale. Introdotta dal 1° gennaio 2008 dalla legge n. 247/2007 (protocollo Welfare) in via sperimentale per il triennio 2008/2010, è stata prima prorogata per il 2011 dalla legge n. 220/2010 (legge Stabilità 2011) e poi resa strutturale dalla riforma Fornero (la legge n. 92/2012) dall’anno 2012. L’incentivo, per poter operare, necessita di autorizzazione ministeriale annua, attraverso apposito decreto che deve fissare la misura massima di sconto (non oltre il 5% della retribuzione contrattuale dei lavoratori), nonché le modalità applicative.

 

 

2) Rapporto Mediobanca: tassazione asfissiante per le imprese

Il Fisco italiano arriva a pesare fino all'80% sulle società. Rapporto mediobanca sulla tassazione che asfissia le imprese. Imprese nostrane asfissiate dal Fisco.

La tassazione sulle medie aziende «continua a essere punitiva». Il livello impositivo nel 2013 è stato del 38,1%, con punte dell'80% in alcuni casi limite. Senza l'Irap la pressione fiscale scenderebbe di oltre 11 punti percentuali al 26,4%, in linea cioè con quello delle medie imprese europee. Qualche spiraglio è stato aperto dalla legge n. 190/2014, che ha reso integralmente deducibile il costo del lavoro ai f