Riflessioni in materia di contratti pubblici dei settori speciali

La sentenza su cui in questa sede si intende appuntare l’attenzione si riferisce ad una gara di appalto il cui oggetto può essere fatto rientrare nell’ambito di quelli che vengono definiti come “settori speciali” ovvero i settori che attengono al gas, all’energia termica e all’elettricità, all’acqua, ai servizi di trasporto e postali, alla prospezione ed estrazione di petrolio, gas, carbone e altri combustibili solidi, ai porti e agli aeroporti, la cui disciplina può essere rinvenuta negli articoli che vanno dal 206 al 238 del Codice dei contratti pubblici (DLgs 163/2006).Il caso di specie fa riferimento ad una stazione appaltante pubblica che nel contesto del bando di gara aveva previsto che dovesse essere applicata la procedura di gara che viene stabilita dall’articolo 90 (“Progettazione interna ed esterna alle amministrazioni aggiudicatrici in materia di lavori pubblici”) del Codice dei contratti pubblici. Nell’articolo in parola, al comma 7, viene previsto che nelle gare per l’affidamento della fase di progettazione, indipendentemente da quella che è la natura giuridica del soggetto che si trova ad essere concorrente (professionisti associati, società di professionisti, società di ingegneria, raggruppamenti temporanei di professionisti e società di professionisti eccetera), devono essere indicati già in sede di presentazione dell’offerta e nominativamente quali siano i professionisti ai quali verrà affidato il compito di redigere il progetto, indicazione cui deve essere aggiunta la specifica indicazione di quelle che sono le rispettive qualificazioni professionali.Nella sentenza in commento il Consiglio di Stato ha ritenuto essere illegittimo l’inserimento di tale clausola del bando di gara emanato dalla stazione appaltante di cui alla sentenza in commento sulla base di quanto del combinato disposto dei commi 1 e 3 dell’articolo 206, del Codice dei contratti pubblici.
L’articolo 206, al comma 1, stabilisce che in riferimento ai contratti pubblici dei settori speciali trovano applicazione alcuni articoli ben individuati nell’ambito della parte II del titolo I (ovvero gli articoli 29, intendendosi sostituite alle soglie di cui all’articolo 28 le soglie di cui all’articolo 215; 33; 34; 35; 36; 37; 38; 46, comma 1-bis; 51; 52; 53, commi 1, 2, 3, 4, fatte salve le norme della presente parte in tema di qualificazione; 55, comma 1, limitatamente agli enti aggiudicatori che sono amministrazioni aggiudicatrici; 55, commi 3, 4, 5, 6, con la precisazione che la menzione della determina a contrarre è facoltativa; 58, con il rispetto dei termini previsti per la procedura negoziata nella presente parte III; 60; 63; 66, con esclusione delle norme che riguardano la procedura urgente; in relazione all’articolo 66, comma 4, in casi eccezionali e in risposta a una domanda dell’ente aggiudicatore, i bandi di gara di cui all’articolo, 224, comma 1, lettera c), sono pubblicati entro cinque giorni, purché il bando sia stato inviato mediante fax; 68; 69; 71; 73; 74; 76: gli enti aggiudicatori possono precisare se autorizzano o meno le varianti anche nel capitolato d’oneri, indicando, in caso affermativo, nel capitolato i requisiti minimi che le varianti devono rispettare nonché le modalità per la loro presentazione; 77; 79; 81, commi 1 e 3; 82; 83, con la precisazione che i criteri di cui all’articolo 83, comma 1, la ponderazione relativa di cui all’articolo 83, comma 2, o l’ordine di importanza di cui all’articolo 83, comma 3, o i sub- criteri, i sub–pesi, i sub-punteggi di cui all’articolo 83, comma 4, sono precisati all’occorrenza nell’avviso con cui si indice la gara, nell’invito a confermare l’interesse di cui all’articolo 226, comma 5, nell’invito a presentare offerte o a …

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it