Il ripiano del disavanzo da riaccertamento trova il Decreto

di Fabio Federici

Pubblicato il 14 aprile 2015

finalmente è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto sulle modalità di ripiano del cosiddetto disavanzo di riaccertamento, determinato dall’implementazione delle nuove regole dell’armonizzazione contabile nei bilanci delle amministrazioni locali

 

È giunta alla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale il Decreto del Ministero dell’Economia e delle finanze, concertato con il Ministero dell’Interno, del 2 aprile 2015 (reso disponibile al link http://www.rgs.mef.gov.it/_Documenti/VERSIONE-I/e-GOVERNME1/ARCONET/Normativa/Decreto_del_Ministero_dellEconomia_e_delle_Finanze_di_concerto_con_il_Ministero_dellInterno_del_2_aprile_2015.pdf) sulle modalità di ripiano del cosiddetto disavanzo di riaccertamento, determinato dall’implementazione delle nuove regole dell’armonizzazione contabile nei bilanci delle amministrazioni locali.

Viene innanzitutto specificato che il disavanzo in questione viene definito applicando al risultato di amministrazione dell’esercizio 2014 gli effetti dell’ulteriore operazione di riaccertamento straordinario dei residui, dell’accantonamento a fondo crediti di dubbia esigibilità e degli ulteriori accantonamenti e vincoli sul risultato. Si potranno pertanto verificare situazioni in cui Comuni che con un avanzo di amministrazione risultante dal consuntivo 2014 si trovino per eff