Non bastano i calcoli per dimostrare il nero


La Commissione, visti gli atti e la documentazione prodotta dall’Ufficio nonché la copiosa ricostruzione operata dal ricorrente peraltro supportata da perizia giurata, accoglie i ricorsi, in quanto dichiara che l’accertamento operato dall’Ufficio non risponde alla realtà, avendo l’Agenzia dedotto importi non coerenti con la tipologia di azienda verificata. I Giudici parmensi sostengono che per la verifica di ricavi superiori a quelli dichiarati occorra una motivazione ulteriore rispetto al solo appiglio metodologico.


Partecipa alla discussione sul forum.