Diario quotidiano del 19 marzo 2015: non va bene la norma che “salva” i dirigenti delle Entrate senza concorso: accertamenti a rischio di nullità

 

 Indice:
 1) Due per mille ai partiti politici: ecco l’elenco degli ammessi al beneficio 2015
 2) Il curatore non si può opporre alla confisca
 3) A rischio la cessione di quote pignorate
4) Niente contributo unificato sui giudizi in opposizione
 5) E’ anticostituzionale la norma che fa rivivere le società per il Fisco, non solo é anche contraria ai principi dello statuto del contribuente
 6) Consulta, non va bene la norma che “salva” i dirigenti delle Entrate senza concorso: accertamenti a rischio di nullità ?
 7) Come determinare i compensi dovuti nell’ambito del processo tributario
 8) Regolarizzazione scommesse: istituiti codici tributo per il pagamento delle somme dovuta con F24 accise
 9) Rent to buy, la nota del Consiglio Nazionale Notariato sui chiarimenti dell’Agenzia delle entrate
 10) Dal 2015 nuova indennità di disoccupazione a favore dei collaboratori

 
 
1) Due per mille ai partiti politici: ecco l’elenco degli ammessi al beneficio 2015
E’ stata resa nota la lista dei partiti ammessi al 2 per mille per l’anno 2015, con riferimento ai redditi 2014. L’Agenzia delle entrate, con la risoluzione n. 27/E del 17 marzo 2015, ha, infatti,  diffuso l’elenco dei beneficiari, trasmesso dalla Commissione di garanzia degli statuti e per la trasparenza e il controllo dei rendiconti dei partiti politici, e spiega come esprimere la propria scelta utilizzando la scheda dedicata.
La scelta del contribuente, a favore di uno solo dei possibili destinatari, avverrà apponendo sulla scheda la propria firma in corrispondenza della formazione che intende sostenere.
Pronto l’elenco dei partiti politici cui è possibile destinare volontariamente il due per mille della propria Irpef relativa ai redditi 2014.
La lista, trasmessa all’Agenzia delle entrate dalla Commissione di garanzia degli statuti e per la trasparenza e il controllo dei rendiconti dei partiti politici, è, dunque, contenuta nella citata risoluzione.
La scelta, esercitabile a favore di un unico partito politico, potrà essere effettuata utilizzando la scheda contenuta nei modelli di dichiarazione dei redditi 730 e Unico Persone fisiche 2015, disponibile in formato elettronico sul sito dell’Agenzia delle Entrate.
Per indicare la propria preferenza, il contribuente dovrà firmare il riquadro “Scelta per la destinazione del due per mille dell’Irpef” presente nelle schede per la scelta della destinazione dell’otto, del cinque e del due per mille dell’Irpef, indicando il codice del partito prescelto. In caso di esonero dall’obbligo di presentazione della dichiarazione dei redditi, è possibile trasmettere la scheda entro il 30 settembre 2015, direttamente, servendosi dei servizi telematici dell’Agenzia oppure presentarla in busta chiusa presso uno sportello postale o a un intermediario abilitato (professionisti, Caf).

Partito politico

Codice

Centro Democratico

A10

Die Freiheitlichen

B11

Fratelli d’Italia – Alleanza Nazionale

C12

Lega Nord per l’Indipendenza della Padania

D13

Movimento Associativo Italiani all’Estero – MAIE

E14

Movimento Politico Forza Italia

F15

Movimento Stella Alpina

G16

Nuovo Centrodestra

H17

PATT – Partito Autonomista Trentino Tirolese

K18

Partito della Rifondazione Comunista – Sinistra Europea

L19

Partito Democratico

M20

Partito Liberale Italiano

N21

Partito Socialista Italiano

R22

Popolari per l’Italia

S23

Scelta Civica

T24

Sinistra Ecologia Libertà

U25

SVP – S&uuml…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it