Diario quotidiano del 12 marzo 2015: rimborsi IVA sprint se derivanti da split payment

revisione degli enti locali: in G.U. le linee guida; niente bonus prima casa per i soli problemi burocratici; no al reverse charge sulla grande distribuzione: denuncia all’Unione europea di Confidustria; nuovamente in calo le aperture di partite Iva (-30%); contribuente ravvèditi: cosi scrive il Fisco?; rimborsi Iva da split payment sprint; accertamenti induttivi: niente semplice raffronto tra i prezzi di acquisto e di rivendita operato; bancarotta documentale: in assenza di dolo la pena è mitigata; limiti minimi di retribuzione imponibile giornaliera per il calcolo dei premi 2015; etichette alimenti: violazioni sulla data di scadenza sanzionate a “caro prezzo”; dalla Cassazione stabilito il termine di decadenza dei rimborsi IRPEF; microcredito alle PMI: circolare operativa della Fondazione Studi; i nuovi ammortizzatori sociali del Jobs Act; welfare: benefici economici e contributivi - cause ostative; decreti fiscali in ritardo. Orlandi: “Sui tempi decide la politica”; audizione del Direttore delle entrate sul 730 precompilato e sulla fattura on line alla PA; contributi volontari anno 2015: lavoratori dipendenti, lavoratori autonomi ed iscritti alla Gestione separata - Liberi professionisti, modifica aliquote contributive anno 2015

 

Contenuto disponibile solo per utenti abbonati

Per continuare a leggere il contenuto di questa pagina è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione in alto a destra. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?


Partecipa alla discussione sul forum.