Diario quotidiano del 18 febbraio 2015: i bilanci approvati prima del 3 marzo 2015 potranno avere la nota integrativa in formato pdf, anziché Xbrl, anche se depositati in data successiva

 

Indice:

 1) In arrivo rilevanti novità fiscali dal prossimo CDM

 2) Personale altamente qualificato: ora è possibile fruire del credito di imposta

 3) Consolidato nazionale e  mondiale: pubblicate le specifiche tecniche per trasmettere i dati del CNM   2015

 4) Confisca per l’intero importo indebitamente compensato

 5) Unico/2015 e 730: approvate le specifiche tecniche per l’invio telematico

 6) Nuove veste per l’avviso di intimazione

 7) Disponibile il Software Intr@Web per la gestione delle dichiarazioni INTRA – anno 2015

 8) Xbrl Italia sui bilanci: nota integrativa in PDF

 9) Il patrimonio immobiliare italiano nel 2012: analisi del Mef e dell’Agenzia delle Entrate

 10) Modello F24: ecco le causali  contributo per il versamento dei contributi previdenziali dei Periti   Industriali

 

 

1) In arrivo rilevanti novità fiscali dal prossimo CDM

Sono in arrivo nuove misure fiscali: il prossimo consiglio dei ministri (fissato per venerdì 20 febbraio) potrebbe forse introdurre le seguenti nuove misure:

Nel decreto sulla fatturazione elettronica compare lo scontrino digitale. Lo scontrino digitale verrà quindi emesso da speciali registratori di cassa in grado di inviare per via telematica ogni singolo corrispettivo giornaliero all’Agenzia delle entrate. Tutti i dati trasmessi, poi potranno essere visualizzati dal contribuente nel proprio cassetto fiscale sul sito dell’Agenzia.

Arrivano, dunque, lo scontrino digitale e la fattura elettronica. Il governo presenterà anche il piano per semplificare la vita a commercianti, artigiani e professionisti e allo stesso tempo per dare la caccia ai “furbetti” di scontrini, ricevute e fatture.

Falso in bilancio, tolte le soglie

Con l’emendamento del governo vengono allungati i termini di prescrizione su corruzione e concussione. Le sanzioni saranno graduate in base al volume d’affari delle società.

Cadono le vecchie soglie sul falso in bilancio. E con loro se ne andrà anche l’attuale area di totale esenzione penale. Si prevede invece l’applicazione di sanzioni diverse. La pena base è prevista da un minimo di 2 a un massimo di 6 anni, ma per le società al di sotto di un determinato volume d’affari, che potrebbe attestarsi a 600mila euro, la pena è da 1 a 3 anni.

Partite Iva, dovrebbe ritornare in vita l’opzione per i minimi al 5%

Il Governo chiederà la fiducia alla Camera sul maxiemendamento. Dovrebbe essere introdotta la possibilità di continuare ad applicare il regime di vantaggio dei contribuenti minimi anche per il 2015.

Sale al 15% l’anticipo agli appaltatori per ridurre l’impatto dello split payment.

Chance di nuove rate per chi ha perso il beneficio.

Riapertura dei termini per la rateizzazione delle cartelle di pagamento, con la possibilità, per i contribuenti decaduti dal beneficio della rateazione, di richiedere la concessione di un nuovo piano, fino a un massimo di 72 rate mensili, a condizione che la decadenza sia intervenuta entro e non oltre il 31 dicembre 2014 e che la richiesta sia presentata entro e non oltre il 31 luglio 2015.

 

 

2) Personale altamente qualificato: ora è possibile fruire del credito di imposta

L’Agenzia delle entrate ha disposto le modalità ed i termini per la fruizione, tramite compensazione, del credito d’imposta per le nuove assunzioni a tempo indeterminato di personale altamente qualificato (articolo 24 del Dl 83/2012).

In particolare, è stato necessario emanare un provvedimento direttoriale (n. 21900 del 16 febbraio 2015) e la risoluzione 18/E del 16 febbraio 2015. Il contributo dovrà essere utilizzato con modello F24 (codice tributo 6847) esclusivamente mediante i servizi telematici dell’Agenzia, pena lo scarto dell’operazione.

L’agevolazione, rivolta a tutti i soggetti, sia persone fisiche sia persone giuridiche, titolari di redditi di impresa, consiste in un credito di imposta pari al 35% del costo aziendale sostenuto per un periodo massimo di un anno dalla data di assunzione di lavoratori in possesso…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it