Diario quotidiano del 12 febbraio 2015: per fruire del regime contributivo agevolato i nuovi minimi devono inviare domanda di adesione entro il 28 febbraio 2015

 

Indice:

 1) Nuovi minimi: per l’Inps le agevolazioni contributive si chiedono entro il 28 febbraio 2015

 2) Rimborsi da assistenza fiscale ed eccedenze di versamento: pronti i codici per compensazioni in F24 da parte   dei sostituti

 3) Iva e-commerce: via libera delle commissioni

 4) Imposta di registro sulla riorganizzazione di gruppo: intervento della Cassazione

 5) Liquidatore salvo dall’omesso versamento IVA

 6) Sequestro preventivo finalizzato alla confisca: ribaditi i principi dalla Suprema Corte

 7) Imu enti non commerciali con attività promiscua: al via i controlli

 8) Boom delle partite Iva a  dicembre

 9) La Robin tax è incostituzionale

 10) Fatturazione elettronica, un obbligo per gli Ordini professionali

 11) Delega fiscale: chiesta una proroga di sei mesi

 12) Riforma della giustizia: si riparte dal rafforzamento del Tribunale delle imprese

 

 

 

1) Nuovi minimi: per l’Inps le agevolazioni contributive si chiedono entro il 28 febbraio 2015

Per fruire del regime contributivo agevolato i nuovi minimi devono inviare domanda di adesione entro il 28 febbraio 2015.

Lo precisa l’Inps nella circolare n. 29 del 10 febbraio 2015.

È revocabile l’adesione al regime contributivo agevolato previsto per i nuovi «minimi». A tal fine va presentata istanza entro il 31 dicembre, per avere ripristinato il regime contributivo ordinario dal 1° gennaio dell’anno seguente.

Lo afferma l’Inps nella circolare n. 29/2015 con cui dà il via libera alla «de-minimalizzazione» dei contributi dovuti alla gestione artigiani e commercianti per chi, in possesso dei requisiti, aderisca al nuovo regime fiscale agevolato.

Chi sia titolare di attività d’impresa al 1° gennaio scorso deve inviare domanda di adesione entro il prossimo 28 febbraio (termine perentorio) per avere applicato il regime agevolato già dal corrente anno (il termine è perentorio).

La «de-minimalizzazione» contributiva

L’agevolazione consiste nella possibilità di disapplicare il minimale ai fini del pagamento dei contributi alla gestione artigiani e commercianti. Possibilità aperta a chi, avendone i requisiti, si avvale del nuovo regime fiscale anch’esso agevolato, c.d. dei «minimi». Si tratta di una facoltà per i lavoratori autonomi (solo per i titolari di reddito d’impresa): l’adesione al regime fiscale agevolato, in altre parole, non vincola necessariamente ad applicare il regime contributivo agevolato e se il lavoratore intende avvalersene deve farne apposita istanza.

Sebbene definito «regime agevolato», la disapplicazione del minimale contributivo non ha solo pregi ma pure difetti. Il pregio è che consente di pagare i contributi sull’effettivo reddito fiscale dichiarato, senza rispetto appunto del minimale per il 2015 pari a 15.548 euro. Il che vuol dire che chi guadagna meno di 15 mila euro, non è obbligato a pagare contributi su almeno 15.548 euro reddito («quota fissa»). Il difetto è questo: se i contributi sono versati in relazione a un reddito inferiore al minimale, non viene garantito l’accredito di un anno intero di contributi ai fini della pensione (è la stessa sorte degli iscritti alla gestione separata Inps).

Adesione

L’adesione avviene necessariamente a domanda del lavoratore interessato. Due le modalità. I soggetti già esercenti attività d’impresa al 1° gennaio 2015 devono inviare apposito modello telematico presente nel cassetto per artigiani e commercianti entro il 28 febbraio dell’anno per il quale intendono usufruire del regime agevolato. Attenzione; il termine è perentorio. Per cui, se non rispettato, l’adesione non sarà consentita per l’anno in corso e andrà presentata una nuova domanda entro il 28 febbraio dell’anno successivo e l’agevolazione sarà concessa con decorrenza 1° gennaio del relativo anno, sempreché il richiedente permanga in possesso dei requisiti. Il termine di decadenza del 28 febbraio vale anche per chi, esercitando attività di impresa prima del 1° gennaio 2015, non risulti ancora titolari di…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it