Diario fiscale del 20 gennaio 2015: certificazione unica, una semplificazione che complica


in mancanza di invito l’accertamento fiscale è nullo; calo di liquidità per le aziende con lo Split Payment; transazioni commerciali: tasso interesse da applicare a favore dei creditori nei casi di ritardato pagamento; niente più obbligo di comunicazione per l’impronta dell’archivio informatico; IRAP: determinazione della base imponibile ed aliquota applicabile ai CONFIDI; trattamento fiscale delle plusvalenze derivanti da cessione di contratto preliminare; F24: istituite causali contributo per enti bilaterali; giochi: versamento della somma per ciascun punto di raccolta di scommesse oggetto di regolarizzazione fiscale; certificazione unica 2015, una semplificazione che complica; incentivo assunzioni personale altamente qualificato: chiarimenti dal Mise

 

Contenuto disponibile solo per utenti abbonati

Per continuare a leggere il contenuto di questa pagina è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione in alto a destra. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?


Partecipa alla discussione sul forum.