Diario fiscale del 16 dicembre 2014: pronto il nuovo modello di dichiarazione d'intento

D.L. approvato: proroga termini Imu agricola montana e rifinanziamento per spese urgenti; pronto il modello per la dichiarazione d’intento online degli esportatori abituali; obblighi tributari sospesi e brevi di giurisprudenza; TFR: aggiornato il coefficiente di rivalutazione per il mese di novembre 2014; operazioni intraUe: pubblicato il provvedimento delle Entrate; recepimento della direttiva sugli utilizzi consentiti delle “opere orfane”; vendite su eBay: esteso per gli acquirenti il diritto di recesso; comuni alluvionati: versamento tributi riprende il 22 dicembre; termini e modalità di pagamento dell’accisa su alcuni prodotti; il pagamento a rate non salva dal sequestro

 

 Indice:

 1) D.L. approvato: proroga termini Imu agricola montana e rifinanziamento per spese urgenti

 2) Pronto il modello per la dichiarazione d’intento online degli esportatori abituali

 3) Obblighi tributari sospesi e brevi di giurisprudenza

 4) TFR: aggiornato il coefficiente di rivalutazione per il mese di novembre 2014

 5) Operazioni intraUe: pubblicato il provvedimento delle Entrate

 6) Recepimento della direttiva sugli utilizzi consentiti delle “opere orfane”

 7) Vendite su eBay: esteso per gli acquirenti il diritto di recesso

 8) Comuni alluvionati: versamento tributi riprende il 22 dicembre

 9) Termini e modalità di pagamento dell’accisa su alcuni prodotti

 10) Il pagamento a rate non salva dal sequestro

 

 

1) D.L. approvato: proroga termini Imu agricola montana e rifinanziamento per spese urgenti

E’ stato approvato il 12 dicembre 2014 dal governo il Decreto Legge recante “Disposizioni urgenti in materia di proroga dei termini di pagamento Imu per i terreni agricoli montani e di rifinanziamento per spese urgenti”.

Dunque, il Consiglio dei Ministri ha finalmente approvato il Decreto Legge in materia di proroga dei termini di pagamento Imu per i terreni agricoli montani e di rifinanziamento per spese urgenti.

Il decreto prevede:

– lo slittamento dal 16 dicembre 2014 al 26 gennaio 2015 del termini di versamento dell’Imu sui terreni agricoli montani. La norma proposta è diretta ad evitare che i contribuenti siano tenuti a versare l’imposta sulla base di aliquote troppo elevate. È comunque salvaguardata l’applicazione di aliquote deliberate con specifico riferimento ai terreni agricoli. Allo stesso tempo, con la norma proposta, i Comuni accertano convenzionalmente nel bilancio 2014 gli importi a titolo di maggior gettito IMU derivante dalla revisione dei terreni agricoli montani, a fronte della corrispondente riduzione del Fondo di Solidarietà Comunale (FSC) 2014;

– il rifinanziamento per l’anno 2014 per un importo di 56 milioni di euro del Fondo per le emergenze nazionali;

– l’autorizzazione di una spesa di 64,1 milioni di euro per l’assegnazione al Ministro dell’Istruzione, dell’università e della ricerca dei fondi per il pagamento delle supplenze brevi per l’anno 2014 prevedendo al contempo un monitoraggio per questo tipo di supplenze.

Infine, viene disattivata la clausola di salvaguardia prevista nel D.L. 66 del 2014 che prevedeva l’aumento di accise nel caso il gettito IVA derivante dal pagamento dei debiti arretrati delle Pubbliche amministrazioni risultasse inferiore alle previsioni. Il minor gettito IVA viene compensato utilizzando accantonamenti che la legge di stabilità per il 2014 prevedeva a favore della Pubblica amministrazione.

(Governo, comunicato n. 41 del 12 dicembre 2014)

 

2) Pronto il modello per la dichiarazione d’intento online degli esportatori abituali

E’ disponibile il modello per la dichiarazione d’intento che gli esportatori abituali potranno inviare, direttamente online all’Agenzia delle Entrate, per manifestare la volontà di effettuare acquisti o importazioni senza applicazione dell’Iva a partire dal 2015. Il provvedimento firmato il 12 dicembre 2014 dal direttore dell’Agenzia, al passo con le nuove regole introdotte dal Decreto Semplificazioni, approva il modello e le istruzioni per inviare telematicamente alle Entrate la dichiarazione d’intento e concede più tempo, fino all’11 febbraio 2015, per adeguarsi alle nuove modalità di invio telematico della dichiarazione all’Agenzia delle Entrate. Fino all’11 febbraio 2015 gli operatori potranno consegnare la dichiarazione d’intento direttamente al proprio cedente o prestatore secondo le vecchie modalità.

Il modello contiene i dati anagrafici del richiedente e dell’eventuale rappresentante firmatario, la dichiarazione d’intento, i dati del destinatario e la firma del richiedente. Inoltre, un unico quadro “A” riporta i dati relativi al plafond e l’impegno alla trasmissione telematica.

La dichiarazione…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it