Vincoli al turnover e blocco delle assunzioni

Reformatio in peius e Segretari
La Sezione regionale di controllo della Corte dei conti della Liguria nel parere n. 52/2014/PAR del 3 ottobre 2014 avanza importanti considerazioni in merito all’applicazione ai Segretari del comma 458 dell’articolo 1 della Legge n. 147/2013 (Legge di stabilità 2014), con cui sono state abrogate le norme che impedivano la reformatio in peius del trattamento economico dei dipendenti pubblici, ossia l’articolo 202 del D.P.R. n.3/1957, che obbligava le Pubbliche amministrazioni all’erogazione di una indennità ad personam nel caso di mobilità che determinava il peggioramento del trattamento economico in godimento, e l’articolo 3, comma 57, della Legge n. 537/1993, per cui questa indennità non era riassorbibile con i futuri miglioramenti e non era rivalutabile.
Nel Parere i giudici contabili liguri, oltre a confermare l’inapplicabilità della disposizione per i Segretari collocati in disponibilità, ritengono che nei confronti dei Segretari comunali e provinciali continua a trovare applicazione la regolamentazione prevista dalla normativa e dai contratti collettivi vigenti; conseguentemente l’ipotesi peggiorativa contemplata dalla Legge di stabilità 2014 non può essere recepita sino alla nuova tornata contrattuale.
https://servizi.corteconti.it/bdcaccessibile/ricercaInternet/doDettaglio.do?id=3739-03/10/2014-SRCLIG

Impiego di personale “a scavalco” e vincoli alla spesa del personale
La Sezione per la Sicilia della Corte dei Conti nella Deliberazione n. 128/2014/PAR del 9 settembre 2014, in linea con gli orientamenti già espressi in merito da una consolidata giurisprudenza, sostiene che le spese per il personale utilizzato “a scavalco d’eccedenza”, ai sensi dell’articolo 1, comma 557, della Legge n. 311/2004, rientrano sia nel computo ai fini della verifica del rispetto dei limiti imposti dall’articolo 9, comma 28, del D.L. n. 78/2010, convertito dalla Legge n. 122/2010, sia nell’aggregato “spesa di personale”, rilevante ai fini dell’articolo 1, comma 557, della Legge n. 296/2006.
https://servizi.corteconti.it/bdcaccessibile/ricercaInternet/doDettaglio.do?id=3775-06/10/2014-SRCSIC

Blocco della contrattazione decentrata (Marco Castellani)
La Sezione delle Autonomie della Corte dei conti nella Deliberazione n. 26/SEZAUT/2014/QMIG del 21 ottobre 2014 tratta del comma 2-bis dell’articolo 9 del D.L. n. 78/2010, convertito dalla Legge n. 122/2010, che, a decorrere dall’1 gennaio 2011 e sino al 31 dicembre 2014, cristallizza l’ammontare complessivo delle risorse destinate annualmente al trattamento accessorio del personale, anche di livello dirigenziale, delle pubbliche amministrazioni al corrispondente importo dell’anno 2010, con automatica diminuzione in misura proporzionale alla riduzione del personale in servizio. Ad avviso dei giudici della Sezione Autonomie la disposizione in esame trova applicazione anche in riferimento alle risorse del bilancio che i Comuni di minore dimensione demografica destinano, ai sensi dell’art. 11 del CCNL 31 marzo 1999, al finanziamento del trattamento accessorio (retribuzione di posizione e retribuzione di risultato) degli incaricati di posizioni organizzative in strutture prive di qualifiche dirigenziali.
Si sottolinea che il tenore delle argomentazioni a supporto delle conclusioni addotte dalla Sezione Autonomie sembra a questo punto aprire la strada per un’inclusione fra le componenti soggette al limite del citato comma 2-bis dell’articolo 9 del D.L. n. 78/2010 anche dei trattamenti accessori corrisposti ai Segretari comunali e provinciali, nonché del fondo per il lavoro straordinario, ex articolo 14 CCNL 1 aprile 1999.
https://servizi.corteconti.it/bdcaccessibile/ricercaInternet/doDettaglio.do?id=4034-21/10/2014-SEZAUT

Riforma Delrio ed aumento dei componenti degli amministratori nell’invarianza della spesa
La Sezione regionale di …

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it