Trattamento fiscale omaggi natalizi 2014: le novità dal decreto sulle semplificazioni fiscali

di Vincenzo D'Andò

Pubblicato il 21 novembre 2014

con l’approvazione del decreto semplificazioni é cambiato il regime fiscale degli omaggi: il nuovo regime si applicherà anche alle spese per gli omaggi relativi al Natale 2014?

 Con l’approvazione del decreto semplificazioni (NDR il Decreto è entrato i vigore da sabato 13/12/2014), il valore rilevante degli omaggi di beni non rientranti nell’attività propria d’impresa sarà pari a 50 euro, sia ai fini della detrazione IVA, sia per la deducibilità ai fini delle imposte sui redditi.

La nuova disposizione prevista dal Legislatore, con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, potrebbe riguardare anche gli omaggi natalizi 2014.

Da evidenziare che l’aumento della soglia a 50 euro (imponibile) ha effetti anche nell’ambito delle imposte dirette.

Difatti, grazie all’allineamento delle soglie ai fini IVA e delle imposte dirette, l’acquisto di un omaggio di valore unitario non superiore a 50 euro potrà essere considerato integralmente deducibile ai fini delle imposte sul reddito.

 

Iva

Le cessioni gratuite di beni seguono la disciplina generale dell’art. 2, comma 2 n. 4 del D.P.R. n. 633/1972. Dunque, per tali omaggi, l’Iva può essere detratta a condizione che il costo unitario dei beni non sia superiore a ex 25,82 euro (adesso non sia superiore a 50,00 euro).

In particolare, il regime IVA dei beni ceduti a titolo di omaggio varia a seconda che i beni omaggiati siano o meno oggetto dell’attività dell’impresa.

In linea generale le cessioni gratuite di beni sono considerate assimilate alle cessioni “in senso stretto” e come tali imponibili IVA.

Tuttavia, l’art. 2, comma 2, n. 4 del D.P.R. 633/72